CRONACA

Forio, dopo lo “stop” ecco le tariffe per le strutture sportive

Dopo la chiusura registrata a inizio agosto, il Comune riaffida gli spazi alle associazioni e alle squadre che ne hanno fatto richiesta, ma modificando gli importi da versare all’ente

A inizio agosto l’annuncio aveva destato profondo scalpore. All’esterno dei locali sportivi di Forio era stato aggiunto un cartello che di fatto ne impediva l’uso a tutti gli sportivi. “Divieto di ingresso. Struttura sportiva chiusa. Per informazioni rivolgersi all’ufficio tecnico del comune di Forio”. I vari permessi concessi alle associazioni sportive per il 2018/19, ormai scaduti da giugno, sono stati di colpo tutti eliminati. Una tabula rasa necessaria per l’amministrazione di Forio in modo da mettere ordine una volta per tutte sui campi di gioco dove centinaia di ragazzi sviluppano il proprio spirito agonistico. Intanto nel mese di luglio si è tollerato l’utilizzo delle strutture da parte di chi ha utilizzato gli spazi pubblici, a volte anche fino a tarda notte, ad agosto è arrivata la comunicazione e ora finalmente è stato approvato il regolamento comunale per l’affidamento e l’utilizzo degli impianti sportivi di proprietà comunale.

I campi sportivi di Forio, ovvero il Salvatore Calise, il San Leonardo e il palazzetto dello sport di via Casale potranno essere utilizzati dalle associazioni sportive che ne hanno fatto richiesta secondo le seguenti tariffe: 6 euro l’ora è la tariffa prevista per le società sportive e le associazioni con sede nel comune di Forio che svolgono attività di avviamento allo sport nel palazzetto dello sportin via casale per le stesse attività presso il salvatore calise e il san leonardo è prevista la spesa di un euro un più.

65 euro l’ora per l’utilizzo saltuario da parte dei soggetti privati non concessionari, stessa cifra per le società sportive e le associazioni che non hanno sede nel comune di Forio per richieste occasionali, come saggi, stage e manifestazioni sportive varie nel palazzetto dello sport. Per le stesse attività, presso il Salvatore Calise e il San Leonardo è prevista invece la spesa di 5 euro in più. 75 invece gli euro necessari per l’utilizzo da parte di associazioni non sportive e gruppi per varie iniziative al palazzetto dello sport, sempre 5 euro in più invece per le attività da svolgere presso il Calise e al San Leonardo. La chiusura e la relativa poi richiesta di nuove iscrizioni, un provvedimento sicuramente drastico, si era reso necessario per dare un forte segnale nei confronti di chi aveva iniziato a utilizzare certi spazi in maniera fin troppo permissiva e allo stesso tempo un invito per richiedere l’autorizzazione a fare sport nel rispetto delle regole decise dal comune. Anche il dottor Marco Raia, responsabile del primo settore, aveva chiarito all’inizio di agosto l’esigenza di chiudere momentaneamente le strutture per rinnovare le convenzioni e mettere così ordine nella gestione degli spazi pubblici dedicati allo sport foriano in maniera ordinata e precisa.

Dall’opposizione però Stani Verde prometteva in piena estate vigilanza attenta e costante sulla faccenda campi sportivi. “Il Palazzetto dello sport e campi di calcio si trovano in stato di abbandono. Già anni fa proposi al consiglio comunale con delibera di indirizzo, di affidare i servizi di pulizia e custodia delle strutture sportive a cooperative sociali che avrebbero consentito alle società sportive che operano in quelle strutture di usufruirne senza dissanguarsi e allo stesso tempo avrebbero goduto di un servizio eccellente”. Ricorda il candidato a sindaco delle scorse elezioni.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker