ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Forio: dopo Stoccarda si va a Monaco di Baviera

FORIO. Dopo Stoccarda, ecco Monaco. Il positivo riscontro ottenuto alla fiera della città tedesca capoluogo del Baden-Württemberg, ha indotto il Comune del Torrione a inviare una delegazione anche in Baviera, dove parteciperà al “Salone Internazionale dei Viaggi e del Tempo libero” che si terrà a Monaco dal 10 al 14 febbraio. È quanto ha deliberato la Giunta comunale di Forio riunitasi lo scorso 26 gennaio, rispondendo positivamente alla proposta del dott. Livio D’Ambra, che aveva suggerito l’opportunità di questa nuova “spedizione” in terra teutonica. Come si legge nella deliberazione, l’amministrazione intende valorizzare costantemente il proprio territorio e le strutture locali, partecipando attivamente alle fiere europee dove affluiscono diverse migliaia di visitatori in cerca di una meta per le proprie vacanze. I positivi riscontri raccolti nelle precedenti analoghe esperienze fieristiche hanno contribuito infatti a rinsaldare i tradizionali legami tra la Germania e Forio, ma anche a estendere la conoscenza dell’isola d’Ischia a un vasto pubblico di nuovi potenziali visitatori, grazie all’interesse suscitato sotto molteplici aspetti: naturalistici, termali ed enogastronomici. La Fiera di Monaco è la più rinomata del settore nella Germania meridionale, e costituisce un punto di ritrovo per gli specialisti del settore, dal momento che i tour operator di tutto il mondo convergeranno nella città bavarese. Del resto, la decisione era stata preannunciata dallo stesso vicesindaco Gianni Matarese nel bilancio della partecipazione foriana a Stoccarda:«E’ stata una vetrina davvero importante, al pari di quelle di Berlino e di Londra, cui pure ha partecipato il Comune di Forio, che probabilmente sarà presente anche alla Fiera del Turismo di Monaco di Baviera del prossimo febbraio», aveva detto Matarese. La Giunta ha quindi approvato la proposta, comprendente le spese occorrenti per l’allestimento dello stand,  per il trasporto, i costi di viaggio e soggiorno per la delegazione, oltre a tutto il necessario corredo pubblicitario consistente in depliants, guide, cartine, cartoline, senza dimenticare gli irrinunciabili prodotti enogastronomici. La somma impegnata è pari, per il momento, a 15.000 euro.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close