Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

FORIO E ISCHIA, FONDI DAL VIMINALE PER “OPERAZIONE SPIAGGE SICURE”

vranno vita meno facile gli abusivi ed i “vu cumprà” sulle spiagge di Ischia e Forio.  I due Comuni dell’Isola, infatti, sono tra i 54 in tutta Italia individuati dal ministro dell’Interno Matteo Salvini per il piano ‘Spiagge sicure’.  Entusiasta il sindaco di Ischia Enzo Ferrandino. “Già lo scorso anno abbiamo investito uomini e mezzi per il contrasto al fenomeno del commercio ambulante sulle spiagge. Lo abbiamo fatto, però, con fondi comunali. Quest’anno ci è venuto in soccorso il Ministero dell’Interno con un finanziamento di 50mila euro. Appena abbiamo visto la possibilità di accedere a questi finanziamenti, immediatamente abbiamo presentato la nostra proposta progettuale presso la Prefettura di Napoli che poi è stata approvata dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica” conclude il primo cittadino. A Ischia da mercoledì ci saranno 18 vigili stagionali che andranno a dare man forte ai 12 effettivi. Controlleranno venditori ambulanti abusivi, massaggiatori da ombrellone e si concentreranno nella prevenzione di atti vandalici o di disturbo della quiete pubblica. Controlli anche in mare, lungo la costa ed i tratti balneabili, per contrastare il malcostume dei diportisti. Vigili a tempo determinato per la stagione estiva anche a Forio dove il Corpo della municipale è composto da poco meno di 15 uomini. Numeri risibili se si considera che si tratta di località turistica che da aprile a settembre raddoppia  il numero dei residenti. Con “Spiagge sicure” sono stati finanziati i progetti che riguardano principalmente l’assunzione a tempo determinato di personale della polizia locale, il pagamento degli straordinari, l’acquisto di mezzi e attrezzature da fornire al personale dei comuni per il contrasto all’abusivismo commerciale e la realizzazione di campagne di sensibilizzazione. I requisiti indicati prevedevano che ad accedere ai fondi fossero i comuni costieri a vocazione turistica, non capoluogo di provincia, con una popolazione non superiore a 50mila abitanti e con un indicatore di affollamento nelle strutture ricettive non inferiore a 500mila presenze annue, secondo i dati Istat. I Comuni che rispondevano a queste caratteristiche erano 72 e di questi solo 61 avrebbero potuto accedere ai fondi tenuto conto del vincolo che prevedeva potessero essere finanziati non più di tre comuni per provincia. Alla fine solo 54 sono stati i progetti ritenuti validi e destinatari dei fondi per un massimo di 50mila euro. Dei Comuni che hanno ottenuto il finanziamento 15 si trovano al Nord, 23 al Centro e 16 al Sud Italia. Per la Campania oltre Ischia e Forio c’è Sorrento (in provincia di Napoli) e Camerota e Capaccio nel salernitano.

Da mercoledì non ci saranno più alibi: niente più abusivi per la gioia di chi deve schivare distese di abiti, scarpe, occhiali, borsette, foulard e se sta disteso su sdraio o lettino deve ricevere la visita di massaggiatori e offerte continue di cocco, magliette e cianfrusaglie varie. 

Giovanna Ferrara

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex