Statistiche
ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Forio, quattro aree per lo stoccaggio dei rifiuti

FORIO. La nuova area di trasferenza dei rifiuti si farà. «L’obiettivo è chiudere l’operazione entro maggio. Non possiamo tollerare un’altra estate con i compattatori nella zona di Citara» spiegano fonti vicine al sindaco Francesco Del Deo. L’avviso pubblico del 19 ottobre sembra aver sbloccato la situazione. Sarebbero almeno cinque – ma forse sono di più – le proprietà sottoposte a candidatura dai rispettivi proprietari e che potrebbero interessare all’amministrazione. Panza, Montecorvo, Campotese e Borbonica avrebbero già il via libera preliminare della Soprintendenza. Discorso in bilico per via degli Agrumi: durante il sopralluogo di un mese fa, i funzionari dell’ente sovracomunale espressero dubbi sull’area per la sua vicinanza con il cimitero comunale.

«Sono tutte zone plausibili. L’intenzione è di individuarne almeno quattro» aggiungono le fonti. Nel progetto dell’amministrazione ha preso piede l’idea di parcellizzare lo stoccaggio dei rifiuti. È impossibile individuare un’area che sia abbastanza grande da soddisfare tutte le esigenze del comune di Forio ma esente da criticità insormontabili. Il discorso cambia se la stessa superficie viene occupata da quattro aree, meglio ancora se ognuna preposta allo stoccaggio di una singola tipologia di rifiuto. Plastica e umido a Panza, carta, vetro e secco a Forio. Tutti felici e, aspetto tutt’altro che secondario, via i camion e i compattatori dalle Pietre Rosse.

L’ultimo ostacolo resta la Soprintenzenza. E non è un ostacolo da poco. Tutto passa dalle loro mani: se concederanno le autorizzazioni, allora il progetto potrà essere completato. I rapporti tra le parti sono cordiali, l’intenzione è quella di venire incontro alle esigenze del comune di Forio, anche se nei limiti del possibile.

Resta da capire fin dove arriverà questo limite. Dall’amministrazione filtra comunque un cauto ottimismo, ma la partita resta delicata. Sono molti tra gli addetti ai lavori confermano che giunta e maggioranza si giocano una grossa fetta di credibilità. Se l’operazione dovesse chiudersi in senso positivo, allora Del Deo diventerebbe il sindaco che ha superato la fase di stallo e tolto i rifiuti dalle strade. Viceversa, offrirebbe alle opposizioni l’ennesimo argomento da campagna elettorale.

Tra i capisaldi del programma elettorale della maggioranza c’era l’idea – rivoluzionaria per l’isola – di introdurre la tassa sui rifiuti a consumo. Quel progetto resta in piedi, ma l’individuazione di aree di stoccaggio adeguate agli standard e alle normative vigenti è un prerequisito indispensabile. Senza non se ne fa nulla, con buona pace dei contribuenti che dovrebbero continuare a sopportare il carico tributario attuale.

Ads

Infine, resta aperta la questione relativa all’area di stoccaggio di Zaro. Lì si attende ancora la pronuncia del Tar, che tarda ad arrivare. Intanto, i camion restano alle Pietre Rosse. Mentre la politica cerca una soluzione, quello continua ad essere il vero biglietto da visita del comune di Forio. ARCA.STE.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x