CRONACAPRIMO PIANO

Forio, stop a randagismo ed incendi: ecco le ordinanze sindacali

Il primo cittadino del Comune del Torrione ha firmato altrettanti dispositivi tesi ad arginare il fenomeno delle deiezioni degli animali nelle strade pubbliche ma anche dettato un decalogo per prevenire il fenomeno dei roghi estivi che anche sulla nostra isola negli ultimi anni si è purtroppo accentuato

Il Comune di Forio ha emanato due ordinanze per arginare il fenomeno del randagismo e degli incendi boschivi. Previsioni rituali che ogni anno accompagnano la stagione estiva. Si trattano delle ordinanze numero 180 e la numero 181 in materia di prevenzione dei roghi sul territorio e di tutela degli animali di affezione, in particolare i cani.

Per quanto attiene la prevenzione del randagismo canino e felino, a tutela degli animali domestici e dei conseguenti rischi per la pubblica e privata incolumità, il sindaco di Forio e Stani Verde evidenzia che sempre più frequentemente vengono segnalati disagi derivanti dalle deiezioni anche liquide nei luoghi pubblici del paese e per questo ordina ai proprietari degli animali domestici di iscriverlo alla banca dati entro 15 giorni dal dall’inizio del possesso e comunque prima della sua cessione a qualunque titolo. Basta recarsi al servizio veterinario dell’Asl territorialmente competente per l’identificazione. Gli animali di affezione devono sempre essere accompagnati da un conduttore in grado di assisterli adeguatamente, inoltre devono essere tenuti al guinzaglio della lunghezza massima di 1,5 m ed i proprietari devono essere dotati di strumenti idonei alla completa rimozione delle feci ed avere sempre con sé una museruola per quanto attiene ai cani.Gli stessi animali non devono cagionare disturbo danni a persone cose ad altri animali, i cani di sesso femminile in condizioni di estro non possono accedere alle spiagge nei luoghi dove sono in corso manifestazioni pubbliche o aree affollate. Per quanto concerne la disciplina di accesso agli arenili liberi con animali da affezione ed alle aree Do friendly in vigore l’ordinanza balneare numero 169 dello scorso 6 giugno. I cani randagi sprovvisti di microchip catturati sul territorio comunale sono registrati dall’Asl a nome del sindaco del Comune di Forio. L’ente locale ha inoltre previsto una serie di precauzioni e cautele affinché gli animali domestici siano accuditi con metodo e precauzione.

Per quanto attiene la prevenzione degli incendi boschivi e la pulizia dei fondi incolti, come ogni anno e come in molti altri comuni della regione Campania, il sindaco di Forio ordina che nel periodo di grave pericolosità per gli incendi boschivi, così come definito da provvedimento regionale dal 15 giugno 2024 al 15 ottobre 2024, di provvedere da parte di tutti i soggetti coinvolti, ovvero enti di gestione di infrastrutture servizi, attività turistiche ricettive e privati cittadini, di provvedere alla gestione alla pulizia dei terreni incolti nelle zone rurali e nelle aree di interfaccia urbano rurale. Inoltre, per la gestione dei terreni incolti al riposo e divieto assoluto di bruciatura della vegetazione spontanea è fatto obbligo di realizzare delle fasce protettive dei campi coltivati e divieti di abbruciatura delle stoppie dei residui vegetali. Per le attività ad alto rischio esplosivo ed infiammabilità, come fabbriche di fuochi pirotecnici, depositi di carburante, fabbriche di prodotti chimici e plastiche è fatto obbligo di realizzare apposite fasce di protezione. In ogni caso anche nel periodo di non grave pericolosità per gli incendi boschivi così come sopra definito è fatto obbligo di gestione dei terreni incolti a riposo e delle operazioni di bruciature stupire i residui vegetali che siano comunicati con un preavviso di almeno 72 ore e la notifica delle attività al comando della polizia municipale locale.

Per quanto riguarda la disciplina di accesso agli arenili liberi con animali da affezione ed alle aree Dog friendly si fa riferimento ad una precedente ordinanza mentre attenzione viene dedicata alla cura dei terreni abbandonati ed incolti spesso oggetto di incendi

La mancata osservanza dei divieti e degli obblighi comporterà l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge nonché l’applicazione di sanzioni penali in caso di violazioni delle norme. I provvedimenti sono entrati in vigore immediatamente benché siano impugnabili con ricorso giurisdizionale presso il Tar Campania Napoli entro 60 giorni dall’affissione, in alternativa ammesso con gravami e non contenzioso davanti al Presidente La Repubblica.

Ads

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Luca

L’isola è piena di feci di cane ovunque!

Pulsante per tornare all'inizio
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex