ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Forio, verrà realizzata alla Chiaia una pedana per i disabili

di Francesco Castaldi

FORIO – La notizia è di quelle che sicuramente farà felici i diversamente abili che risiedono sull’isola o che giungono a Ischia per godersi un periodo di vacanza perdendosi tra sue le bellezze naturalistiche, enogastronomiche e culturali. Nel corso della giornata di lunedì il sindaco di Forio, Francesco Del Deo, ha ufficialmente accolto una proposta partita dalla vice presidente dell’Associazione disabili di Ischia Brigida Siniscalchi. La dottoressa Siniscalchi, nello specifico, aveva chiesto al primo cittadino del Comune turrito di provvedere alla realizzazione di una pedana che consentisse anche ai disabili di raggiungere senza eccessive difficoltà l’arenile della Chiaia.

La dottoressa Siniscalchi, che ricopre anche il delicato ruolo di vice presidente della Croce Rosa, già dal mese di luglio aveva richiesto un incontro al sindaco di Forio per ottenere che, in sostituzione degli scalini posti in prossimità del tratto di arenile che venne dato in concessione a un privato, fosse costruita una pedana che permettesse un più agevole accesso in spiaggia da parte delle persone con difficoltà motorie.

Come detto, nelle scorse ore si è finalmente trovata la quadratura del cerchio. Infatti lunedì mattina il sindaco Francesco Del Deo ha avuto un sereno e proficuo colloquio all’interno del proprio ufficio con la dottoressa Brigida Siniscalchi, che nella circostanza era accompagnata dall’altro rappresentante dell’associazione, Francesco Castagliuolo.

Durante l’incontro, e dopo aver evidenziato le numerose difficoltà alle quali vanno incontro ogni giorno i disabili per raggiungere l’arenile foriano, Siniscalschi e Castagliuolo hanno chiesto di realizzare una pedana che consentisse di raggiungere facilmente la spiaggia della Chiaia. Il sindaco, accogliendo la proposta dell’A.D.I., ha promesso che entro un paio di giorni sarà costruita una pedana che permetterà anche ai portatori di handicap di trascorrere una giornata al mare senza doversi preoccupare delle insidie che si celano dietro le temute barriere architettoniche.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close