ARCHIVIO 5POLITICA

Franco Regine: Mi rimetto in gioco? Sì, come musicista…

FORIO – Il Sindaco del Comune all’ombra del torrione, Francesco Del Deo, in una sua recente intervista rilasciata al nostro giornale, ha parlato anche del suo rapporto con l’ex primo cittadino, Franco Regine. Del Deo, ha infatti dichiarato:«Premesso che io e Franco Regine siamo nati e cresciuti a cinquanta metri di distanza e che sul piano personale siamo amici, ed è una persona intelligente ed un gran simpaticone. Ovviamente nel gioco delle parti, quando rilascia delle dichiarazioni deve fare la sua di parte. Io sono però prontissimo, e con questo confermo la mia disponibilità, ad offrire a Franco Regine, un assessorato, se ha dimenticato i vent’anni di gestione precedente, dove con i dieci anni di Franco Monti, lui è stato vicesindaco, e primo cittadino negli altri dieci. Basta infatti guardare la gestione del bilancio negli anni scorsi, e cito solo alcuni dei disastri come la Pegaso (16 milioni di debiti) Torre Saracena, la Colombaia ecc..  e quella attuale. Ma queste cose il mio amico Franco Regine le conosce bene. Ripeto nel caso le avesse dimenticate, se vuole in Giunta c’è posto per lui». Regine, tirato in ballo, con la stessa vena sarcastica ha risposto alle parole dell’attuale Sindaco: «mi chiedo come sia possibile che una persona che fa 6 milioni di debiti, possa essere reclutata in una Giunta, io vorrei evitare di fare altri danni al paese, credo che sia un po’ fuori luogo» – il riferimento, con tono ironico, è sempre alle parole del Sindaco Del Deo, che nella sua intervista ha raccontato il lavoro dell’amministrazione, per ridurre di circa 6 milioni di euro il debito, creato a detta del Sindaco, dalle amministrazioni precedenti. Ma poi l’ex primo cittadino rincara la dose:«io vorrei ringraziare Del Deo, perché è stato bravo a non perdere i finanziamenti sia per il Molo Borbonico, che per la condotta fognaria di che va da Panza alle Pietre Rosse, quello è infatti un vecchio finanziamento del Ministero dell’Ambiente, di circa 2 milioni di euro, che sono riuscito a portare a Forio. Per il resto preferisco non “rovinare” una giunta che come lui dice sta facendo bene per il paese. Quindi ringrazio Del Deo per la fiducia e dell’amore che ha nei miei confronti».

Ironia a parte, qual è il suo giudizio sull’attuale amministrazione?

«Io sto ancora attendendo la loro prima opera. Credo che questa amministrazione sia troppo bloccata da beghe interne. Il Sindaco non è riuscito a dare quello scatto di reni, che poteva mettere in atto con una maggioranza così ampia. Sono molti i problemi, infatti, fermi al palo. Da quello dei rifiuti a quello del depuratore, per non parlare della gestione degli impianti sportivi. Su questo aspetto, io ho consegnato all’attuale amministrazione un campo sportivo a Panza, e loro non sono in grado di gestirlo. La vicenda dei rifiuti, che per me è stato un cruccio, è ancora lì tutta irrisolta, anzi posso dire che si è anche aggravata, ed inorridisco al pensiero di vedere i camion davanti al Comune, ma forse questo è quello che loro vogliono. In campagna elettorale, la maggioranza di Del Deo, sbandierava che aveva 10 mila soluzioni per questa criticità, ad oggi invece, la differenziata non ha fatto un passo avanti, l’area di conferimento non si trova, per tutta l’estate sono state occupate le pietre rosse e cava dell’isola, mi chiedo sono queste le loro soluzioni? Ed ancora, proprio su cava dell’isola, tutto è ancora fermo e nulla è stato fatto. Io ricordo che quando divenni sindaco nel 2003  e trovai Sorgeto chiusa dal Commissario, la prima cosa che feci, mi adoperai per restituire la baia ai panzesi. Ecco io mi auguro che lui restituisca al più presto la spiaggia di cava ai giovani dell’isola, anche con azioni coraggiose. Sul porto, invece, temporeggiano e non risolvono il problema, così come tante altre cose. Insomma il mio è un giudizio certamente negativo, ma è una valutazione che viene soprattutto da quello che ascolto in strada tra la gente, anche perché io mi sto tenendo in disparte, quando però mi tirano in ballo non mi sottraggo. Il grosso della loro azione è stata solo d’interdizione rispetto alle cose che erano state messe in campo dalla mia amministrazione, perché da un lato non hanno le capacità e dall’altro pensano a litigare. Il problema però, è che mentre loro litigano, il paese soffre. Pertanto io chiedo a loro di litigare di meno e amministrate di più!».

Quindi rispedisce al mittente l’invito a far parte dell’attuale giunta?

«Ma guardi, se loro in ogni intervento pubblico, anche agli auguri di Natale fatti con gli impiegati, dicono che tutti i mali di Forio si chiamano Franco Regine e la sua giunta, credo sia un paradosso un mio ingresso in giunta. A quel punto gli attuali amministratori dovrebbero solo dimettersi. Pertanto io auguro a questa maggioranza ed amministrazione, di continuare il loro mandato, guardando avanti e non indietro, ma soprattutto di iniziare a governare veramente con azioni concrete.  Io non credo assolutamente di aver consegnato, come dicono loro una situazione disastrata, anzi. Ma la cosa che a volte fa sorridere che nell’attuale giunta, vi sono assessori della mia amministrazione, così come alcuni consiglieri comunali. Quindi se la loro tesi fosse vera, queste persone che in questo momento sono al governo del paese, hanno contribuito quanto me alla creazione di tutte le criticità e dei tanti “guai” che dice Del Deo. Una situazione veramente paradossale e kafkiana».

Annuncio

 

Lei è pronto a rimettersi in gioco?

«Io adesso mi rimetto in gioco come musicista, ho messo su un nuovo gruppo musicale in piedi e giovedì suoneremo al Lucignolo. Invito pertanto Francesco Del Deo al Lucignolo, così almeno se non mi apprezza in campo politico, spero possa farlo in campo musicale».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close