ARCHIVIO 3

Free Market, è svolta per la Baranopoli

ISCHIA – Il pubblico ministero dott.ssa Giuseppina Loreto, ha firmato l’avviso delle conclusioni delle indagini preliminari a carico di Paolino Buono, Salvatore Di Costanzo, Eugenia Alexandra Di Meglio, Ottavio Di Meglio, Maria Grazia Di Scala, Ernesto Napolano, Ciro Pinelli, Raffaele Piro, Antonio Schiano, Antonio Scordo, Antonio Stanziola, Antonio Vuoso, Giorgio Vuoso, tutti indagati e coinvolti nell’indagine scoppiata a Barano e denominata Free Market, che vede tuttora agli arresti domiciliari a Napoli il tenente della polizia municipale di Barano, epicentro dell’inchiesta. Di fatto gli indagati e i rispettivi difensori vengono messi a conoscenza che le indagini preliminari sui fatti ormai noti sono concluse e che gli stessi hanno facoltà di prendere visione e di estrarre copia della documentazione relativa alle indagini, depositata presso la segreteria del pubblico ministero. Inoltre, gli indagati entro venti giorni dalla notifica possono presentare memorie, produrre documenti e depositare documentazione relativa ad investigazioni difensive, chiedendo al pubblico ministero di svolgere ulteriori atti di indagine. Nel contempo, le persone coinvolge nell’indagine possono anche presentarsi per rilasciare dichiarazioni o chiedere di essere sottoposti ad interrogatorio.

La bomba scoppiò alle prime luci dell’alba dello scorso 8 ottobre, un tranquillo lunedì mattina, quando la ridente Barano fu svegliata da un via vai di uomini e mezzi della Compagnia dei carabinieri di Ischia, guidati dal cap. Andrea Centrella. Il tutto, all’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli – Sezione “Reati contro la Pubblica Amministrazione” – i militari eseguirono un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Napoli nei confronti di cinque persone: Nicola Antonio Stanziola (sottoposto a misura cautelare in carcere); Maria Grazia Di Scala e Raffaele Piro (sottoposti all’obbligo di dimora nel Comune di residenza); Antonio Schiano e Giorgio Vuoso (sottoposti all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria). I cinque erano ritenuti responsabili, a vario titolo, di più episodi di peculato, concussione, corruzione per l’esercizio della funzione, abuso d’ufficio, falsità materiale ed ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atto pubblico, truffa in danno del Comune. E’ chiaro che il ruolo predominante in questa vicenda, e non a caso parliamo dell’unico indagato che ha varcato la soglia di Poggioreale, che nel frattempo ha ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari ma che si trova in ogni caso ancora nella condizione di detenuto.

La complessa attività investigativa svolta dalla Stazione dei Carabinieri di Barano d’Ischia – avviata nel novembre 2013 a seguito di una dettagliata denuncia sporta da un venditore ambulante, Alessandro Slama  – avrebbe consentito di delineare la sussistenza di una sistematica illecita gestione della cosa pubblica ad opera di un funzionario della polizia municipale del Comune di Barano d’Ischia, il tenente Stanziola Antonio, responsabile dell’organizzazione e controllo delle attività connesse a fiere, mercati e manifestazioni nonché dirigente dell’ufficio tecnico comunale. Alcuni di detti reati sarebbero stati commessi dal suddetto pubblico ufficiale in concorso con appartenenti all’associazione culturale denominata “Testaccio Grandi Eventi” creata ad hoc al fine di aggirare le normative di natura fiscale e amministrative in materia di fiere, mercati e spettacoli vari. Insomma, la Procura ipotizza che Stanziola (che in passato ha ricoperto anche l’incarico di comandante della polizia locale baranese) era stato tra gli ispiratori della nascita di questo soggetto giuridico, che avrebbe di fatto dovuto costituire il cosiddetto “braccio armato” di una condotta criminosa: uno strumento necessario, in parole povere, per poter passare dalla teoria alla pratica e per giunta, se vogliamo, continuando a gestire tutto in house. Perché è evidente, a quel punto, che la predetta associazione è stata istituita facendo evidentemente in modo che anche chi vi gravitasse all’interno fosse un soggetto vicino ad Antonio Stanziola o comunque che conoscesse le sue intenzioni ed il modus agendi già all’origine.

Le indagini consentirono dunque di accertare a carico dello Stanziola e dei suoi correi la percezione indebita di denaro o di altre utilità, in cambio di autorizzazioni – del tutto arbitrarie – per partecipare a fiere e mercati sul territorio del Comune di Barano d’Ischia; l’acquisto mediante l’utilizzo di denaro pubblico del quale lo Stanziola disponeva in virtù del ruolo e delle funzioni esercitate di materiale utilizzato a fini privati per l’organizzazione di fiere e mercati; il rilascio di false autorizzazioni in materia edilizia ed urbanistica in favore di soggetti che le hanno poi prodotte in giudizi civili per contrastare le legittime pretese della controparte: il tentativo di acquisire ad un prezzo estremamente convenente una struttura alberghiera, in cui danno lo Stanziola aveva emanato un’ordinanza di abbattimento proprio al fine di ottenere un deprezzamento del valore del bene; l’aver sistematicamente sfruttato la posizione di pubblico ufficiale per costringere i commercianti ad indebite dazioni di prodotti alimentari (pane, frutta e verdura); plurimi episodi di assenteismo dal posto di lavoro. Una serie di accuse di quelle da far rabbrividire, ma che soprattutto manifesterebbero un sistema messo su che avrebbe fatto dell’uomo un vero e proprio “dominus”, in grado di determinare anche tutta una serie di eventi, come si evincerebbe da atti firmati nella sua veste di responsabile dell’edilizia attraverso i quali riusciva sia pure indirettamente anche a poter determinare in un verso o nell’altro un processo relativo alla materia in oggetto.

Nel corso dell’esecuzione delle misure cautelari, vennero eseguite altresì perquisizioni presso gli uffici comunali alla ricerca di ulteriori elementi documentali utili alla complessiva attività di indagine. In particolare, le luci a Barano si accesero come detto quando l’alba ancora doveva fare capolino, con il municipio che fu stato oggetto di una dettagliata visita da parte dei militari dell’Arma, che però di fatto avevano presumibilmente raccolto già tutti gli elementi in proprio possesso, visto che l’inchiesta partita diverso tempo fa aveva consentito di raggiungere la cosiddetta quadratura del cerchio.

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close