Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Fu arrestato per spaccio a Sant’Angelo, revocato l’obbligo di dimora

SERRARA FONTANA. Buone notizie per Francesco Iacono, il ventenne di Serrara Fontana arrestato la scorsa estate insieme alla sua fidanzata. Il giovane, infatti, torna, almeno momentaneamente completamente in stato di libertà.  Prima di parlare dei risvolti delle ultime ore, però, è meglio fare un passo indietro e ripercorrere la vicenda. Il fatto risale allo scorso giugno, quando il ventenne e la sua compagna, conviventi presso un’abitazione di Serrara, furono  colti in fragranza di reato di spaccio, nel centro di Sant’Angelo  dagli uomini della compagnia dei carabinieri di Ischia, coordinata dal capitano Andrea Centrella. Sottoposti a perquisizione, in possesso dei due  giovani venne rinvenuto un discreto quantitativo di cocaina.  All’interno della borsa della ragazza fu, infatti, trovato un flacone di Vivin C con quattro dosi di cocaina, per un peso complessivo di 3,5 grammi. La perquisizione fu poi estesa all’abitazione della coppia presso la quale furono rivenute altre 6 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 5 grammi,una somma di 5000 euro e alcuni biglietti con nominativi associati ai vari soggetti.

Per questo motivo, i due vennero condotti presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale e di Pozzuoli. Il giudice incaricato del caso, decise, però di non convalidare l’arresto della coppia, imponendo piuttosto alla giovane donna l’obbligo di firma quotidiana tutti i giorni dalle ore 14.00 alle ore 18.00 e al Francesco Iacono l’obbligo di dimora nel Comune di residenza. Ebbene, in merito a quest’ ultimo provvedimento, nelle scorse ore è stata fatta marcia indietro. É stata, infatti, accolta l’istanza presentata dall’avvocato, conosciuto anche come consigliere di minoranza di Serrara Fontana, Roberto Iacono, difensore del ventenne e con la quale era stata chiesta la revoca dell’obbligo di dimora. Il giovane serrarese, dunque, torna in piena libertà, o quanto meno, almeno momentaneamente. La prossima udienza del caso, durante la quale si decideranno in modo più approfondito le sorti dell’uomo, si terrà, infatti,  il prossimo 12 Aprile. «Vedremo – ha commentato lo stesso Iacono – cosa succederà in quell’occasione. Nel frattempo, comunque, che il mio assistito sia nuovamente in stato di libertà è una cosa positiva, in quanto con l’accoglimento dell’istanza, stiamo riportando nella giusta dimensione quello che è il fatto contestato».

SAMA

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button