CRONACA

Fu uno degli eroi del sisma, in pensione il pompiere Caccavale

Ultimo giorno di lavoro per il capo reparto dei VV.FF. di Avellino: un curriculum, il suo davvero notevole, partecipò anche ai soccorsi dopo il terremoto del 21 agosto 2017

Quello di oggi sarà un giorno speciale, per un uomo e un lavoratore che forse mai avrebbe pensato fino a qualche anno fa di ritagliarsi uno spazio nella storia dell’isola d’Ischia. E che questo, purtroppo, sarebbe accaduto a causa di un evento luttuoso che dalle nostre parti non potrà purtroppo mai essere dimenticato per le conseguenze nefaste che ancora oggi sono presenti come cicatrici ancora aperte. Oggi, dicevamo, sarà l’ultimo turno di servizio attivo per il Capo Reparto dei Vigili del Fuoco di Avellino, Giovanni Caccavale, prima di essere collocato a riposo.

Come Vigile Ausiliario, il Capo Reparto Caccavale ha preso parte, nel 1981, alla gestione dell’emergenza in Irpinia fornendo il suo apporto ai servizi logistici. Assunto come Vigile Permanente nel 1985, è stato assegnato presso il Comando VVF di Novara. Durante la sua lunga carriera ha partecipato a diverse calamità di rilievo nazionale quali le emergenze post sismiche in Umbria (1997), Quindici (1998), L’Aquila (2009), Emilia Romagna (2012), Ischia (2017) culminando nel 2019, con il supporto all’emergenza incendi boschivi in Sicilia. Sì, Casamicciola, perché Caccavale fu tra coloro che si recarono sull’isola subito dopo il terremoto del 21 agosto e presero parte alle prime operazioni di soccorso, tra tutte viene ancora ricordata quella dei tre giovani fratellini dalle macerie di un’abitazione.
“Serio, disponibile, lucido e professionale”, queste le parole del Comandante Luca Ponticelli, di Giovanni che ha aggiunto: “Mancherà la capacità di fare squadra e l’abilità nel trovare soluzioni ai problemi più disparati. Con lui vanno in pensione 35 anni di esperienza e di cultura pompieristica, che le future generazioni dovranno avere la cura di non disperdere”. 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button