ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Gay cacciati da albergo a Sorrento, i verdi non ci stanno

NAPOLI – “Chiediamo alla comunità gay di darci maggiori informazioni sulla vicenda raccontata da agorainforma.it dei due ragazzi cacciati in malo modo da un albergo di Sorrento perché siamo pronti a denunciare i proprietari e a chiedere il ritiro della licenza e a far chiudere quella struttura qualora ci fossero conferme su quanto successo”.

A chiederlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, per il quale “è assurdo che due persone siano state allontanate da un albergo per discriminazioni sessuali e i responsabili dovranno pagarne le conseguenze”.

Ecco, per la cronaca, quanto riportato dal sito in questione: « Trascorrere un week end rilassato e vivere giorni di bellezza e d’amore in un luogo dove la tradizione di ospitalità è quasi un elemento strutturale del viaggio. Questo il desiderio di una giovane coppia giunta a Sorrento qualche settimana fa. Ma l’idillio per i due, un lui e un lui, è durato troppo poco. A tarparlo, il pregiudizio omofobo di una struttura ricettiva che ha letteralmente messo alle porte i giovani per un’effusione non gradita agli ospiti dell’albergo. Pietra dello scandalo, un bacio. Certo, siamo lontani dalla bagarre – assurdamente divenuta “istituzionale” – per le scene di sesso omosessuale nella fiction Rai de “I bastardi di Piazzofalcone”, ma forse questo episodio meriterebbe una pubblica riflessione. Dopo la morale comune, anche il circuito economico rifiuta l’amore gay. È lecito, al lettore, interrogarsi sul motivo per cui l’episodio non sia stato denunciato. Uno dei due non ha fatto coming out in famiglia. E così, al dolore di non poter vivere la propria sessualità in modo naturale nell’ambiente familiare, si aggiunge il rifiuto di una comunità che, per definizione, dovrebbe essere aperta agli scambi interpersonali,  turistici e commerciali».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close