POLITICAPRIMO PIANO

Gennaro Scotti resta nel “guado”: «Appoggio ad Enzo? Deciderò di volta in volta»

Intervista con il consigliere comunale ischitano eletto tra le file di Forza Italia: «Siamo una forza politica responsabile, l’interesse del paese è l’unico parametro per valutare le iniziative della maggioranza»

Attualmente Lei è politicamente più vicino a Enzo Ferrandino o all’opposizione? Il suo modo di votare in consiglio comunale non aiuta a sciogliere questo interrogativo…

«Ogni volta che saranno intraprese azioni importanti, che reputo positive per il territorio, io mi esprimerò sempre favorevolmente. Direi che la mia è un’opposizione costruttiva e collaborativa»

«Sin dal momento del mio ingresso in Consiglio comunale ho chiarito quale sarebbe stata la mia posizione: dare un contributo a una positiva azione amministrativa, riservandomi di valutare se ogni singola iniziativa sia intrapresa nell’interesse del paese, che è sempre il mio obiettivo primario in qualità di consigliere comunale. È un atteggiamento che va al di là delle contrapposizioni tra maggioranza e opposizione. Io sono stato eletto con Forza Italia, che ritengo una forza politica responsabile, e di conseguenza in linea con le indicazioni del partito io svolgo il mio ruolo in consiglio comunale nell’interesse generale. Qualora vengano intraprese azioni importanti, che reputo positive per il territorio, io mi esprimerò sempre favorevolmente. Direi che la mia è un’opposizione costruttiva e collaborativa».

Quali sono le iniziative a cui tiene di più?

«Dall’inizio ho focalizzato l’attenzione su problemi come il traffico, i trasporti, la questione del parcheggio di Ischia Ponte, e il tema relativo allo spostamento del Mercato comunale per evitare danni gli altri esercizi commerciali»

«Quando sono entrato in consiglio ho subito illustrato quali sarebbero stati gli interessi di carattere generale per i quali anche io avrei potuto dare il mio contributo, a partire dal problema-traffico e dalle possibili soluzioni da individuare e adottare in sinergia con le altre amministrazioni isolane, al problema dei trasporti e alla necessità di risolvere al più presto la questione del parcheggio all’ingresso di Ischia Ponte. Non va dimenticato il tema relativo allo spostamento del Mercato comunale, da via delle Terme a un’area nei pressi del Palazzetto dello Sport, per evitare che il mercato stesso danneggi gli altri esercizi commerciali. Sono inoltre interessato al concretarsi di un progetto di efficientamento energetico per le strutture pubbliche, scuole comprese, a cui io ho dato il primo input e che viene portato avanti da una innovativa start up italiana, a costo zero, cioè senza intaccare alcuna risorsa dell’ente».

Cosa le ha detto il Senatore Domenico De Siano nel momento in cui le ha ceduto il posto in Consiglio comunale?

«Niente di particolare. Ho condiviso con lui il mio primo intervento in consiglio comunale, nel quale io ho tracciato quale poteva essere la linea di Forza Italia nel civico consesso e le iniziative da sostenere».

«Ho dato l’input a un progetto di efficientamento energetico per le strutture pubbliche, che viene portato avanti da una innovativa start up italiana, a costo zero per l’ente»

Come giudica l’operato del sindaco Enzo Ferrandino fino a questo momento?

«Su diverse iniziative il mio giudizio è positivo. Ad esempio, il discorso portato avanti in merito alle problematiche dei taxi durante il periodo estivo, con la predisposizione dell’apposita area nell’ex parcheggio Guerra, è stato pienamente condivisibile in quanto si tratta di un progetto importante che ha indubbiamente apportato benefici. Anche la navetta Zizì in alcuni mesi dell’anno ha funzionato bene, e in particolare ho valutato positivamente, come testimonia il mio voto favorevole in consiglio, sia la delibera per lo stanziamento dei fondi a favore di tutte le strutture danneggiate dal forte maltempo, sia i futuri progetti finanziati con i fondi della Città Metropolitana, relativamente alla riqualificazione del campo sportivo dello Spalatriello e della zona circostante, come alla riqualificazione di via delle Terme. Sono tutti progetti a cui darò il mio appoggio».

Quindi mi pare di capire che lei valuti come positivo il bilancio dell’amministrazione Ferrandino.

«Ovviamente si potrebbe fare sempre di più, però indubbiamente le iniziative citate sono da valutare positivamente».

Qual è la sua impressione sull’ultima “rivoluzione” in consiglio comunale?

«Efficace l’azione della maggioranza in diverse situazioni come la sistemazione dei taxi all’ex parcheggio Guerra e la navetta Zizì, che hanno portato indubbi benefici. Il bilancio finora mi sembra positivo»

«Io non sono entrato a far parte del nuovo gruppo d’opposizione che si è formato di recente perché, ripeto, il mio ruolo è sempre stato quello di rimarcare la volontà e l’intenzione di Forza Italia, e non potevo né volevo snaturare tale ruolo, cosa che sarebbe accaduta se io fossi entrato a far parte del nuovo gruppo. Forza Italia, come detto, si connota come una forza politica responsabile che anche in un periodo particolare come quello che stiamo vivendo, è più favorevole a dare un contributo costruttivo, senza essere sterilmente divisivi».

In particolare, come giudica l’addio alla maggioranza da parte di Maurizio De Luise e di Ottorino Mattera?

«Le ultime elezioni hanno visto il centrosinistra in generale prevalere di misura su Forza Italia e le altre liste che componevano lo schieramento di centrodestra. Da allora si sono poi verificati alcuni eventi che hanno finito per creare alcuni problemi interni alla maggioranza guidata dal sindaco Enzo Ferrandino, come le mancate partecipazioni di qualche assessore alle riunioni di giunta. In sostanza si trattava di una serie di problemi imputabili a dinamiche interne. Il quadro che si presentava dopo questi eventi era quello di una situazione abbastanza sfilacciata e confusa, le cui conseguenze si sono riverberate sul paese. Da questo punto di vista, Forza Italia ha mantenuto un comportamento responsabile all’interno del Consiglio».

«Non mi aspettavo l’ingresso di Ciro Ferrandino in giunta, ma è sicuramente la persona giusta per dare un valido contributo»

Si aspettava l’ingresso di Ciro Ferrandino nella giunta?

«Non me l’aspettavo. Tuttavia non giudico negativamente tale scelta. Conosco Ciro Ferrandino, abbiamo avuto anche dei comuni trascorsi amministrativi, e, al di là delle contrapposizioni tra le diverse parti politiche, la cosa fondamentale è operare nell’interesse del paese. Credo che Ciro sia la persona giusta per dare un valido contributo all’azione amministrativa e nell’ambito delle sue deleghe».

Questo è anche l’anno delle elezioni Regionali.

«Sì, e credo che la dinamica consiliare instauratasi potrà essere positiva anche in tale ottica. Mi spiego: la presenza di Forza Italia nel consiglio comunale di Ischia potrebbe rivelarsi vantaggiosa, nel caso di affermazione elettorale del centrodestra a livello regionale. In tal modo, verrebbe mantenuto un costruttivo canale di dialogo tra Comune e Regione».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close