ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Gianmarco Balestrieri : «Il controllo primario è nell’educazione familiare»

 

«La società è profondamente mutata negli ultimi anni. Molti ragazzi vanno in discoteca non solo e non tanto per divertirsi, ma soprattutto per bere alcolici. Penso che in gran parte questo fenomeno sia dovuto al fatto che le famiglie non siano in grado di gestire determinate situazioni. Anche qualche decennio fa c’è sempre stata la “pecora nera” che amava ubriacarsi, ma costituiva un’eccezione. Non voglio addossare tutta la colpa alle famiglie, perché come ho già detto è l’intera società che è cambiata, tuttavia resto dell’idea che il controllo primario avvenga proprio tra le mura domestiche. Da parte nostra, nei locali effettuiamo controlli serrati, soprattutto presso gli ingressi, controllando i documenti di ogni singolo avventore. A questa prima “scrematura” segue poi quella del barman al bancone. Purtroppo ciò non basta a evitare che i ragazzi si procurino alcol nei modi più disparati, anche all’esterno della discoteca. A Ischia il fenomeno è indubbiamente presente, anche se l’insularità e la conseguente lontananza dalla grande metropoli porta fortunatamente a limitare certi eccessi; ma resta il fatto che anche d’inverno i minorenni tentano di aggirare i divieti sull’alcol».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close