ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Gioielli a sei zampe, a Ischia due mostre itineranti sugli insetti

Sono dappertutto: in aria, sotto terra, per terra, in acqua, nella vegetazione, nelle nostre case. Ne esistono di ogni specie – oltre un milione quelle individuate fin’ora – dimensione, colori e forme. C’erano molto prima dell’essere umano e, secondo gli studiosi, ci saranno anche qualora l’uomo dovesse estinguersi. È un universo tutto da scoprire quello degli insetti e che sarà presto possibile osservare più da vicino anche qui sulla nostra isola.  Approdano, infatti, ad Ischia, Insecta e Gioielli a sei zampe, due mostre dedicate interamente al mondo degli insetti.  Decine e decine di specie provenienti da tutto il mondo, dal 20 al 30 Novembre prossimo, saranno, infatti, in esposizione in eleganti terrari presso i locali del convento di Sant’Antonio, in via Mirabella ad Ischia Ponte.  All’interno delle due mostre, sarà allestito un interessante angolo laboratorio in cui verranno mostrate ai visitatori le tecniche di raccolta, preparazione, conservazione e catalogazione degli insetti. A fare da cornice artistica agli esemplari, spettacolari modelli 3-d che fungeranno da valido punto di riferimento per l’approfondimento relativo alla morfologia di questi invertebrati.

Due mostre, insomma, ricche di spunti e che portano la firma, ancora una volta, del professore Antonio Festa, promotore da diversi anni in tutto il territorio campano,  ma non solo, di progetti e mostre itineranti sulla natura, tra cui anche Lepidoptera, la mostra di farfalle tenutasi recentemente presso il parco termale Negombo.  Questa volta,  Festa ha deciso di approdare sul nostro territorio con un’esposizione dedicata tutta agli insetti grazie anche alla preziosa collaborazione del dottore Francesco  Barbieri, responsabile scientifico  proprio della mostra Gioielli a sei zampe realizzata dalla Casa delle Farfalle di Bordano e che quindi grazie a questa collaborazione lascia la sua sede per un viaggio itinerante nel centro sud dell’Italia. Le esposizioni si propongono  come obiettivo  non solo quello di  sbalordire il pubblico con incontri ravvicinati con coleotteri giganti, mantidi religiose, insetti stecco e altri esemplari di insetto, ma anche e soprattutto quello di sensibilizzare i visitatori attraverso l’osservazione diretta di queste incredibile forme di vita infondendo in essi un ammirazione verso le meraviglie della natura e da cui possa quindi scaturire un più deciso e consapevole rispetto verso ognuna di essa. «Un esperienza- ha assicurato lo stesso Antonio Festa- che porterà molti a ricredersi relativamente al ribrezzo che molto spesso gli insetti provocano». Mostre, quindi. da non perdere per tutti gli appassionati del settore e che potranno essere visitate tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 13.30, al prezzo di una.

LE INIZIATIVE DI ANTONIO FESTA. Alla base della  attività del dottor Antonio Festa, avellinese doc, la realizzazione di progetti didattici e mostre itineranti  in tutto il territorio campano che possano sensibilizzare un vasto pubblico, scolastico e non, verso le bellezze che la natura ha da offrire, verso la sua biodiversità. L’approccio, nuovo quanto efficace, è quello “empirico”: ampliare le conoscenze degli alunni-studenti e del pubblico in generale senza eccessive pedanterie, con progetti di educazione ambientale nelle classi in cui la sperimentazione diventi protagonista e mostre itineranti  in cui il pubblico, anche quello profano e “non addetto ai lavori” possa simpatizzare con questo mondo vasto quanto ancora sconosciuto che è quello degli invertebrati, scoprendone caratteristiche, abitudini di vita, curiosità ma, soprattutto, ammirandone l’innegabile fascino, la ineguagliabile bellezza e l’infinita varietà di forme. Un approccio che, soprattutto, si propone di contribuire a sviluppare una coscienza ambientale che è presupposto fondamentale per un nuovo atteggiamento nei confronti della natura e, quindi, dell’intero Pianeta, che non fa altro che lanciare, inascoltato, il suo grido d’aiuto. Tra i prossimi progetti messi in cantiere da Festa, una mostra relativa alle meraviglie dei fondali marini ed un’altra su ragni, scorpioni  e tanti altri invertebrati che da sempre generano fobie tra gli umani.

Sara Mattera

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close