CULTURA & SOCIETA'

Gli emigranti ischitani “Pe’ terre assaje luntane”

In mostra al Mann dal 18 dicembre

Dicembre al Museo Archeologico Nazionale non sarà soltanto il mese di “Thalassa”, ma anche di altri preziosi e raffinati appuntamenti espositivi legati al tema del mare. Da venerdì prossimo 20 dicembre 2019 sino al 9 marzo 2020, nelle sale della Stazione Neapolis, sarà in programma il percorso documentario “Pe’ terre assaje luntane”, promosso dall’ Associazione Ischitani nel mondo e a cura di Salvatore Ronga.
La mostra racconta con testimonianze di archivio e scatti d’epoca, l’emigrazione dall’Isola verde sino alle Americhe.

Approfondita l’indagine storica alla base dell’esposizione: i flussi migratori del XX secolo riguardarono contadini e pescatori isolani, che abbandonarono la loro terra ed i loro mari a bordo di grandi transatlantici, divenuti quasi ambasciatori degli italiani nel mondo. Sull’immagine del transatlantico si concentreranno alcuni documenti in mostra: non soltanto fotografie, ma anche pubblicità, in cui gli illustratori rappresentavano le navi come icone di modernità, confort ed eleganza; a bordo, “La Signorina Grandi Firme”, un prototipo di donna, che poco si adattava alla reale condizione delle emigranti.
Partenza, viaggio, porti di arrivo: “Pe’ terre asaaje luntane” ricostruirà anche le dinamiche di integrazione nel Nuovo continente, con particolare riferimento alla colonia di San Pedro in California: in questi centri, gli ischitani “trapiantarono” le proprie tradizioni, tentando di trasmettere anche tecniche di lavoro apprese in madrepatria (tra queste, nei luoghi di mare, la pesca con la lampara)

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button