CULTURA & SOCIETA'

Gli strani effetti sociali del coronavirus: la gente prega e canta per la paura – scomodato perfino San Vincenzo ‘O Munacone

Giorni tristi quelli che stiamo vivendo, per via di un male globale che noi di questo tempo non eravamo preparati a subire. Eppure lo stiamo affrontando con dignità e grande spirito di sopportazione. Per ora tutto è bloccato., ma non le menti che devono pensare, creare, poetizzare. Ad esempio, nonostante tutto, vedete come si riesce a realizzare un testo nel nostro dialetto dialogando col Padreterno e strsppargli delle giustificazioni su quello che ci sta succedendo. Il Componimento intitolato “Abbraccia senza Braccia” di don Raimondo Di Rienzo ve lo riproponiamo in questa nostra rubrica senz’altro commento: ABBRACCIA SENZA BRACCIA*
Signore mio, ma che stai cumbinann? Contagi, muorti, paura dint ‘a all’ossa!

E ognuno spera e se scampa’ sta fossa! / Ma comme? Tu sì Patre e fai stu poco? / E quantu spazio tieni poi Tu Llóco? / Ce vuo’ purta’ cu Te a tutti quanti? / Pecché ce stai facenn suffrì tanto? / Io non ti ricunosco francamente! / Pare che accíre ‘o buono e ‘o malamente! / ‘A gente sta ‘mpazzenno dint ‘e case e ‘a dint ‘a quarantena esce e tràse! / Nisciuno ‘o vo’ capì che non si esce, se no sta quarantena nun fernèsce! /’Ncopp ‘e balcuni lumini, drappi, cartelli colorati.

‘A na cert’ora pàre na’ festa ‘e piazza! / Sarà ‘a paura? Fede? Oppure stamme ascénno tutti pazz? / ‘A gente prega e canta pa’ paura, pecché mo simme over tutti uguali! / ‘A naso ‘e cane nun tène educazione e addò se mette ‘e posta fa rammaggio! / Figliu mio bello – risponne ‘o Patetern – te sisfugato? / E mo stamme ‘a sentì! / Spalanca ‘o còre e ‘a mente e sienti bbuono:Io nun manno castighi, Io non uccido! / Nun voglio ‘a morte, bramo conversione! / Stu male dilagante nun è ‘o mio! / Nun è mestiere mio…Io song Dio! / Io che v’aggiu criati per Amore, ve distruggesse con tanto livore?!? / Stu male è subdolo, striscia ed è silente…E tutto chesto nun t’arricorda niente? /P’ogni figlio che soffre, soffro anch’io: pecché so Padre, Madre e song Dio! 7 E tutti chisti muorti nun ‘e voglio! Ma quando ‘a llòc pàrteno Io l’accoglio! /Stu virus è micidiale, è devastante…ma Io sto cca’: non vi lascio un istante! / Mio Figlio jettáje ‘o Sangue per ognuno! / Per Me siete preziosi: uno ad uno! /’A gente mòre, mentre aiuta all’ati. / Ognuno serve ‘a vita come può! Chistu momento triste e doloroso passarrà ambress, ‘a vita turnarrà! / Ma ‘ncopp ‘a terra ‘a vita ha da cagnà! / Basta cu l’egoismo e ‘a prepotenza; basta cu l’arroganza e ‘a strafuttenza! / Che ognuno impari bene la lezione: stu munno senza ‘e Me è un calderone! / Io faccio ‘a parte mia, …ma vuje facite ‘a vostra! /

Nun ce se po’ tuccà, non ci si abbraccia…Ma ‘o bene se fa solo cu ‘e braccia! / Spalanca ‘o còre e abbraccia senza braccia! / Comme se fa?… / Guarda a Mio Figlio n’Croce: cu ‘e Mane trapassate, t’accarezza; cu ‘e braccia crucifisse, abbraccia ognuno; e appiso ‘a chella Croce, parla, ma senza voce! / ‘O bene nun se fa solo cu ‘e braccia! / Spalanca ‘o còre… e abbraccia senza braccia!(DR, 21 Marzo 2020 – la fede in tempo di Coronavirus – don Raimondo Di Rienzo

IL CULTO PER SAN VINCENZO ‘O MUNACONE

Il nostro San Vincenzo Ferrer lo veneriamo nella chiesetta della madonna del Carmine in località Cappella a Ischia. Sono pochi i fedeli che lo identificano come e O Munacone. Ma a Napoli in tale senso si professo un vero e proprio culto. Le preghiere per abbattere il male che ci affligge partge anche da Ischia per arrivare a questo monaco santo amato ed anche molto discusso. Quindi San Vincenzo Ferrer èchiamato affettuosamente “O’ Munacone“. San Vincenzo, nacque in Spagna nel 1350ed era un predicatore medievale appartenente all’ ordine domenicano. San Vincenzo “‘O Munacone” ha suscitato, dunque, grande interesse in ogni strato sociale della popolazione napoletana e non, a partire dal XV secolo sino a giungere ai giorni nostri, dove ancora nelle reminiscenze delle tradizioni religiose è ben radicato il culto di questo santo dal carattere austero, come dimostrano le sue predicazioni e condanne feroci ai peccatori ed ai professanti diverse religioni, ma allo stesso tempo misericordioso e clemente, fautore di molteplici prodigi e miracoli. Perfettamente si intreccia la sua storia a quella della cultura partenopea e si rispecchia nelle mille sfaccettature delle credenze popolari, fatte di luci ed ombre dove folklore profano e rito sacro si mischiano e si confondono. L’immagine è ancora presente nella chiesa, inoltre è conservata anche una statuetta in legno di San Vincenzo Ferrer chiamato affettuosamente “OMunacone“. San Vincenzo, nacque in Spagna nel 1350 era un predicatore medievale appartenente all’ ordine domenicano.

michelelubrano@yahoo.it

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close