CULTURA & SOCIETA'

Global Strike for future, la scuola Media Scotti risponde all’appello di Greta Thumberg

Domani sfineranno in corteo fino a piazza Antica Reggia per gridare la propria adesione al movimento Fridays For Future

Anche gli studenti della Scuola Media Scotti prenderanno parte venerdì 27 settembre alle ore 10.15 al III Global Strike for Future. Dopo il raduno degli alunni e dei docenti nel cortile della scuola, ci sarà l’intervento del dirigente scolastico, la prof. Lucia Monti. Con lei anche il Sindaco di Ischia Enzo Ferrandino e altri esponenti del mondo scolastico e istituzionale e dei rappresentanti degli studenti.

Dopo un breve intermezzo musicale partirà alla volta di Pizza Antica Reggia un corteo di sensibilizzazione dove i ragazzi, con striscioni e slogan, grideranno la propria adesione al movimento Fridays For Future. Quest’ultimo ha promosso dal 20 al 27 settembre 2019 una settimana di iniziative e azioni di sensibilizzazione della popolazione mondiale sul tema dei cambiamenti climatici e il Miur ha stabilito che le scuole, nella propria autonomia, possono considerare giustificata l’assenza degli studenti occorsa per la partecipazione alla manifestazione del 27 settembre 2019, stante il valore civico che la partecipazione riveste.

“Vi chiedo, sia come Ministro sia come padre di riservare del tempo all’interno delle lezioni per realizzare sessioni di discussione e riflessione sui cambiamenti climatici insieme ai ragazzi”. E’ così che il ministro Fioramonti ha scritto in una lettera inviata ai dirigenti scolastici d’Italia, nella quale sottolinea l’impegno che nella settimana sul clima WeekForFuture , i ragazzi e le ragazze di ogni Paese stanno impiegando nello scendere in piazza per rivendicare un’attenzione imprescindibile al loro futuro, che è minacciato dalla devastazione ambientale e da una concezione economica dello sviluppo ormai insostenibile.

“L’importanza di questa mobilitazione è quindi fondamentale per numerosi aspetti, a partire dalla necessità improrogabile di un cambiamento rapido dei modelli socio-economici imperanti”, prosegue Fioramonti, prima di concludere: “È in gioco il bene più essenziale, cioè imparare a prenderci cura del nostro mondo”. Quello del 27 settembre sarà il terzo sciopero globale lanciato dai gruppi di Fridays For Future – movimento avviato dalla sedicenne svedese Greta Thunberg -, dopo quelli del 15 marzo e del 24 maggio che hanno coinvolto milioni di giovani in tutto il mondo, Italia compresa.

La data del 27 chiuderà la settimana del clima, organizzata volutamente in concomitanza col Climate Action Summit 2019 dell’Onu, cominciato oggi lunedì 23 settembre a New York. Un evento che riunisce capi di stato e di governo, multinazionali e ong intorno alla crisi climatica globale. “Il mio messaggio è che vi terremo d’occhio. È tutto sbagliato. Non dovrei essere qui, dovrei essere a scuola, dall’altro lato dell’Oceano. Eppure venite a chiedere la speranza a noi giovani? Come osate? Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote, e io sono tra i più fortunati. Le persone stanno soffrendo, stanno morendo. Interi ecosistemi stanno collassando. Siamo all’inizio di un’estinzione di massa. E tutto ciò di cui parlate sono soldi e favole di eterna crescita economica? Come osate?”. E’ questa parte del discorso della giovane Greta, parole su cui rifletteranno gli studenti ischitani.

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button