CULTURA & SOCIETA'

GRAFFITI Mecenatismo, committenza: lo stato dell’arte

DI ENZO RUJU

Lo stato dell’arte nella visione contemporanea pone quesiti come rigenerare il modello artistico in un futuro prossimo. Molte domande in merito, tra tutte l’arte ha esaurito il creativo! Mecenatismo e committenza il valore di chiamare artisti, un tempo a corte, oggi dov’è il mecenate o il committente, valori di tempi che furono. Le aristocrazie, casati, stemmi di un mondo bene per arricchire corpo e anima, pareti, scale, androni, quasi un dato filmico del potere acquisito. Oggi imprenditori, amatori d’arte per un collezionismo di pochi che si possono permettere l’acquisto di opere d’arte e oggetti d’arte. Certo nella storia dell’arte il periodo magnifico del Rinascimento con giovani talentuosi in varie discipline chiamati a corte a abbellire i palazzi rinascimentali lasciando il segno della loro creatività. Segni permanenti di opere passate alla storia e identificate dal poliedrico Giorgio Vasari (1511-1574) uomo di ampie visioni del fare artistico nell’individuare talenti giovanili e condurli attraverso “Le Vitae” diario del periodo rinascimentale, lasciando alle nuove generazione il modello creativo di varie discipline.

La situazione odierna,non facile,mancanza di mercato,difficile visibilità di operatori culturali,condizione non adeguata per giovani di presentarsi alla ribalta e mostrare il loro operato. Mancano, Expo, Arte Fiera, Biennale, convegni, dibattiti per favorire e porre in visione il creativo attuale. Modelli comunicativi,una visione innovativa delle arti visive. Sempre il Nord comunica con L’ Europa e il Sud dalla Magna Grecia ha difficoltà a decollare. Una grande storia Ulisse con il Cavallo di Troia,la Magna Grecia con il mondo classico dal Tempio Greco,geometria e infinito con onore agli Dei,alla chiesa attuale Città del Vaticano con opere di inestimabile valore per l’arricchimento del cristianesimo il Monoteismo. Abbiamo bisogno di un’altra città del vaticano?Amici imprenditori l’arte l’oppio dei popoli arricchimento spirituale e materiale per la cultura delle persone e liberi cittadini. Amate l’arte amate voi stessi,la cultura fortifica e rende liberi uomini e donne,senza di essa ogni popolo lo sbaraglio. Consapevoli di nutrire mente e corpo nutritevi di conoscenza e sapere per un domani migliore e ricco di speranza di lavoro. La storia delle arti visive continua il suo percorso di materia e bellezza,senza le quali non vi sono orizzonti da esplorare.

CRITICO D’ARTE

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex