ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Guarire con la voce, battute finali per il corso di armonici vocali di Ubjk

Di Isabella Puca
foto Enzo Rando
Ischia – Ha riscosso un notevole successo il corso intensivo di armonici vocali organizzato da Daniele De Stasio, in arte Ubjk, presso l’Associazione Luca Brandi Onlus. Il corso, iniziato lunedì scorso, è alle sue battute finali e ha visto una classe di circa 20 persone appartenenti a tutte le fasce di età. Quella appresa dai partecipanti è una tecnica ancestrale di autoguarigione; le frequenze sonore influiscono, infatti, sulla nostra salute. «Si tratta di una tecnica appresa nei miei viaggi in Giappone e in Messico da maestri di musicoterapia. Il suo valore terapeutico è testimoniato da secoli di utilizzo nelle più disparate culture del mondo, alla pari di omeopatia, reiki, shatzu e agopuntura. E non ci sono controindicazioni». È stata questa la spiegazione iniziale data da Daniele che, in cinque appuntamenti, ciascuno di un’ora e mezza e con un contributo davvero simbolico, ha fornito i partecipanti di nozioni di base di respirazione con diaframma e pratica nella produzione di armonici con il solo uso della voce. «Il corso – ha spiegato Ubjk – ha visto una spiegazione pratica e un’infarinatura iniziale sulla tecnica degli armonici vocali. Prendere il suono, produrlo e frammezzare questo suono in armonici, così da usare al meglio questa tecnica, ci dà la possibilità di amplificare o ridurre un armonico, rispetto a un altro della voce, per poterlo poi usare sul corpo e sull’umore. Imparare a usare gli armonici è un po’ come imparare a camminare con una macchina». Sono tanti i benefici legati alla tecnica, tra questi troviamo l’aumento della capacità respiratoria, la riduzione di stress e ansia, il miglioramento della concentrazione, l’aumento della percezione. Tanti sono però anche i benefici legati, invece, alle frequenze. «A seconda di una determinata frequenza – ha spiegato ancora Ubjk – si hanno determinati benefici di guarigione. Per frequenza si intende il tono, acuto o basso che sia e si può avere la rigenerazione del Dna, una produzione di endorfine naturali del corpo, aiuta, inoltre, contro lo stress e a sentirsi più positivi durante la giornata». Il lavoro svolto dalla classe si è basato quindi su tecniche ancestrali di meditazione in uso presso i monaci tibetani, ma presenti anche nella tradizione vocale, come in Sardegna e nel Salento. Sin dall’antichità i suoni hanno sempre avuto un potere nascosto che diventa alla portata di tutti se si riescono ad apprendere queste tecniche. Oggi, sabato primo ottobre, alla fonte di Nitrodi a Barano, nel pomeriggio, meteo permettendo, ci sarà l’incontro conclusivo. Insieme a Daniele De Stasio verrà organizzata una classe di yoga con il maestro Enrico De Luca che verrà musicata con un po’ di armonici che introdurranno e chiuderanno la lezione. Come quest’estate nell’orto del Castello Aragonese e ai Nitrodi, le atmosfere naturali del posto diverranno luogo ottimale per avere una perfetta seduta di yoga dove il corpo diverrà un tutt’uno con gli elementi naturali che li circonda. Il suono armonico della voce aiuterà poi a raggiungere il giusto grado di rilassamento per ritrovare la giusta armonia tra anima e corpo. Per chi si è perso quest’interessante appuntamento e ha intenzione di partecipare, il prossimo corso ci sarà a fine ottobre, ma in Messico; potete appuntarvi, però, già da ora in agenda il ritorno di Daniele a Ischia per la prossima primavera e imparare così a guarire con il solo suono della voce.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close