CULTURA & SOCIETA'

I nostri giovani ritrovano la pazza moda dei jeans stracciati. Virus messo all’angolo da ragazzi che vivono la loro libertà

Dagli anni ’70 ad oggi, il fenomeno dei pantaloni stracciati ha fatto molta strada. La tendenza tra l´altro, sembra confermata dalle prime fashion news sulla stagione moda primavera-estate degli ultimi quattro anni 2019, 2018, 2017, 2016 come la nuova collezione di Nicole Miller alla fashion week di New York dello scorso anno e riproposta anche in questo periodo del 2020

Ci dobbiamo occupare di moda, e che moda, rapportata non agli stilisti seri creatori di quella moda che nel tempo ha fatto la storia del bel vestire in Italia e nel mondo, ma ad una tendenza che i propri inventori fanno passare per moda vera, nonostante appaia come la negazione della moda stessa. Ci riferiamo alla “moda” frivola , per meglio dire alla tendenza dei pantaloni stracciati, indossati ed ostentati con disinvolta compiacenza dalle nostre ragazze e ragazzi dei tempi stravaganti che corrono, dove il Coronavirus è il male killer spietato degli ultimi cento anni Capofila entusiasta, del resto come sempre, Luciana Morgera che con i suoi pantalone super stracciati da donzella non più in …erba, ma pimpante da sballo, ostenta un look mozzafiato sostenuto dal suo ammirato consorte Marketiello Ammendola ed immortalata dalla magica macchina fotografica del fido Marco Cortese.

Per questi “eroi” dei panni stracciati che contano, niente può il Coronavirus addirittura…umiliato ed in via di fuga. Cosa frulla nella testa di questi giovani che ai jeans autentici di marca di sana fattura, preferiscono invece jeans usati, “rivalutati” e lacerati il più evidente possibile, comprati nelle nostre boutiques abbastanza rifornite ? Per capirlo ci siamo dovuti prendere la briga di studiare il fenomeno, scoprire cosa anima i ragazzi e sopratutto le ragazze a lasciarsi andare in un abbigliamento più trasandato che casual. Così abbiamo dedotto che il look logoro aggiunge il fascino dell´aspetto vissuto, la voglia di comodità, la ricerca di uno stile più personale e distintivo d’evasione. E parliamo di un indumento che già di per sé è versatile e facile da indossare ed abbinare. L’influenza del mondo sfrenato dello spettacolo di certi scatenati protagonisti, è risultata determinate ai fini del propagarsi della tendenza dei pantaloni stracciati che sull’isola ha ripreso a dilagare a vista d’occhio.

Per parlarne più chiaramente, citando date e nomi, ci siamo dovuti erudire oltre il pensabile per offrire al lettore un quadro completo del fenomeno o tendenza che dir si voglia. Il 2013, ossia aette anni fa, ha segnato il gradito ritorno dei ripped jeans su passerelle e riviste patinate. Merito anche di numerose celebrità (da Rihanna ad Heidi Klum) che non hanno perso occasione per mettere in bella mostra strappi e sfilacciamenti davanti ai fotografi. Dagli anni ’70 ad oggi il fenomeno dei pantaloni stracciati ha fatto molta strada. La tendenza tra l´altro sembra confermata dalle prime fashion news sulla stagione moda primavera estate degli anni 2016. 17, 18 e 2019 (come la nuova collezione di Nicole Miller alla fashion week di New York).  Il ritorno dello strappo più plateale è stato sicuramente facilitato dal fiorire di variazioni di forme e modelli degli ultimi anni in materia di jeans ( pensiamo ai modelli ultraskinny, baggy o boyfriend style). La capacità di innovazione e reinterpretazione del denim non sembra avere limiti.

Varie boutique di tendenza in attività a Ischia come a Casamicciola, Lacco Ameno, Forio e Sant’Angelo sm erciano il carico fatto lo scorso anno buono anche quest’anno e sono certi delle buone vendite di pantaloni stracciati fra la gioventù isolana che sta ai tempi con ferma convinzione, complice la musica scatenante e lo spettacolo a ruota libera sempre in voga. Infatti il jeans strappato guadagna fama entrando nel mondo della musica. Punk bands come i Ramones iniziano a creare uno stile rock, che però è ancora un genere di nicchia e risulta poco appetibile per gli stilisti dell´epoca. Negli anni 90 è sempre il mondo della musica a decretarne il definitivo trionfo. Il successo planetario del Grunge rock (in special modo grazie ai Nirvana) li rende un capo desiderato e di tendenza. L´idea piace anche alle celebrità, attrici famose ne fanno sfoggio. In breve tempo il jeans strappato fa il suo ingresso in passerella e sovverte il mondo della moda.

Nel 1998 Gucci realizza i Genius Jeans,strappati e decorati con pezzi di tessuto floreale (sono messi in commercio a 3,143 dollari ed entrano nel libro dei guinnes dei primati come i pantaloni più costosi mai prodotti all´epoca). In definitiva,tra le tendenze moda di questa estate anomale targata Covid-19- CoronaVirus,tornano senza tanti complimenti, ancora una volta, i jeans strappati, pronti a farci compagnia e a…svelare, almeno in parte, le gambe delle nostre ragazze che voglono vivere “scoperte” la libertà ritrovata.. Non vanno rotti di proprio, a meno che non si voglia dare nuova vita a un vecchio pantalone ormai desueto. All’interno delle nuove collezioni dei brand più famosi, e non, si annidano numerosi modelli di jeans con strappi: alcuni presentano solo delle leggere usure, che svelano l’intelaiatura bianca inferiore, altri hanno veri e propri tagli mentre, altri ancora, presentano delle mancanze di tessuto piuttosto grandi, solitamente sulle cosce, in pieno stile cow. A completamento di tutto quanto descritto c’è un rischio da calcolare per i ragazzi e ragazzi amanti dei pantaloni stracciati in tendenza. Il jeans strappato diventa un prodotto commerciale e questo ne determina un´ampia diffusione, ma anche il rapido declino. Il ripped diventa automaticamente conformista e perde il suo fascino, tornando ad essere un semplice paio di pantaloni bucati. 

Ads

Foto di Giovan Giuseppe Lubrano e Marco Cortese

Ads

Montaggio mascherine di Angela Impagliazzo

antoniolubrano1941@gmail.com

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button