CRONACA

I presidi e le impronti digitali, le voci da Ischia: «E’ un provvedimento grottesco»

Anche i dirigenti scolastici degli istituti isolani in rivolta contro il decreto concretezza licenziato dalla Camera. Secondo la ministra Bongiorno le critiche sono derivanti da una lettura errata del provvedimento, ma i diretti interessati parlano di aggressione vessatoria

Anche sull’isola i dirigenti scolastici potrebbero essere costretti a timbrare il cartellino in entrata e in uscita. Nel decreto concretezza in aula alla Camera è passata la norma che prevede per i dirigenti scolastici la timbratura in entrata e in uscita dalla scuola. Se n’è discusso in Commissione Cultura dove è passato il parere che chiede “l’accertamento all’ingresso” di tutti i dirigenti scolastici. Una norma reputata assurda, punitiva e poco lungimirante. Ancora più strana e assurda se si pensa che gli insegnanti sono usciti dalle “grinfie” del Decreto Concretezza, così come i dipendenti Ata. Per professori, bidelli e inservienti il paventato obbligo è già decaduto e non saranno più costretti a offrire le impronte digitali al loro ingresso a scuola. Obbligo che invece permane, semmai il provvedimento dovesse passare anche al Senato,  per i dirigenti scolastici.

Ma cosa c’è di strano nel chiedere ai dirigenti di timbrare il cartellino all’ingresso della scuola? Tutto,  tenendo conto che i presidi non lavorano a orario, ma a obiettivi. Il provvedimento del ministro Giulia Bongiorno inizialmente prevedeva la necessità dell’accertamento all’ingresso per i maestri, professori e personale Ata, obbligo da cui sono stati liberati ma che invece mantiene i controlli per i presidi. I dirigenti scolastici dovrebbero ora essere soggetti ad accertamento esclusivamente ai fini della verifica dell’accesso. Ciò potrebbe significare assicurarsi che i dirigenti entrino in classe e lo si potrà fare solo con l’installazione nelle scuole italiane di costosi apparecchi che possano accertare la presenza dei dirigenti. Una presenza che il preside non solo non è tenuto a garantire ogni giorno a scuola e non certo per spenderlo in tempo libero, ma per le decine di mansioni che ogni dirigente scolastico è costretto a sostenere lontano dall’edificio scolastico. Difficile, inoltre, gestire la registrazione delle presenze per quei presidi che devono monitorare le attività nei plessi dislocati in zone diverse del territorio.

00022877

“Vigilare sugli ingressi non ha senso – sottolinea Antonello Giannelli dell’associazione nazionale presidi – visto che il dirigente scolastico non ha un orario fisso di lavoro, quello che conta non è l’orario di lavoro, che il più delle volte supera gli standard lavorativi di una giornata operativa tipica, ma ciò che conta sono i risultati”Ma cosa ne pensano i dirigenti scolastici isolani di questo provvedimento? Da Assunta Barbieri, dirigente scolastico presso l’istituto comprensivo Vincenzo Mennella, a Lucia Monti, Dirigente Scolastico S.M.S. “Scotti”, passando per Antonio Siciliano del Mattei e Giuseppina Di Guida del Mennella, la condanna è unanime.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close