ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

I residenti di Piedimonte contro l’Evi

di Sara Mattera

BARANO. Un fine settimana di passione, quello che ha vissuto la frazione di Piedimonte, nel Comune di Barano. Colpevole dei disagi, l’Evi, l’ente implicato nella distribuzione della risorsa idrica sul territorio isolano. I problemi, infatti, sono cominciati Sabato mattina, quando una delle condotte idriche che attraversano il territorio baranese, è stata interessata da una perdita di acqua. Perdita esigua, ma che ha spinto un privato ad allertare i vigili del fuoco, affinchè risolvessero la situazione. Dopo una prima verifica da parte degli organi competenti, si è deciso per lo stop momentaneo dell’erogazione idrica con ovvie conseguenze per i cittadini del luogo. Difatti, una parte delle frazione di Piedimonte è rimasta per più di 24 ore senza poter usufruire dell’acqua. Questo ha provocato numerose proteste da parte dei residenti della zona che, per quasi 2 giorni, hanno dovuto fare affidamento solo sulle cisterne presenti all’interno delle proprie abitazioni private. Con il timore che lo stop all’erogazione potesse prolungarsi ancora per molto, alcuni cittadini hanno, quindi, cercato di mettersi in contatto con l’Evi, senza, però, ottenere risultati. “C’è stata una piccola perdita ad una condotta nel centro di Piedimonte- ha detto  Davide Iacono,residente del luogo- e cosa fanno? Hanno chiuso l’acqua senza procedere alla riparazione! Numerose famiglie sono, così, rimaste senza acqua. E’ assurdo che per una perdita quasi da “orinatorio”, si tagli l’acqua pubblica per più di 24 ore. Naturalmente, ho cercato mettermi in contatto con quelli dell’Evi, ma nessuno mi ha risposto!” Come da pronostico, quindi, i disagi si sono prolungati anche nella giornata di ieri, interessando anche la scuola elementare di Piedimonte. L’istituto in questione è, infatti, privo di cisterna e, personale scolastico e alunni, ieri mattina, rientrati a scuola dopo la pausa domenicale, si sono trovati privati dell’acqua, rischiando di dover interrompere il normale svolgimento delle lezioni. L’Evi è intervenuta a riparare il guasto, soltanto nella mattinata di Lunedì, anche se, l’erogazione dell’acqua è stata ripristinata, in un primo momento, soltanto per il plesso scolastico e per una parte della frazione di Piedimonte. Nella giornata di oggi, dovrebbe, comunque, tornare tutto alla normalità. Nonostante si sia cercato di ridurre al minimo le conseguenze sul normale svolgimento delle lezioni, non si sono, però, placati, in queste ore, i malumori dei cittadini che hanno lamentato la poca efficienza e celerità da parte dell’Ente idrico isolano nel risolvere il guasto. Una mancata celerità riscontrata anche in altre occasione e non soltanto nell’ambito del territorio baranese.“L’erogazione dell’acqua- ci ha detto Davide Iacono- è stata ripristinata nella scuola, come promesso, alle ore 11.00.  Nonostante ciò, però, resta il fatto che comunque l’Evi non è in grado di affrontare le emergenze nei giorni festivi. E’ avvilente che per una piccola perdita si sia isolata un’intera frazione, come è avvilente sapere che un plesso scolastico sia senza cisterna”. Ed, infatti, se lo stop prolungato dell’orgazione dell’acqua ha creato malumori, lo spiacevole episodio ha, certamente, messo in evidenza, ancora una volta, la carenza principale del plesso di Piedimonte. Un plesso nel quale, soltanto pochi mesi fa, sono stati portati a termine i lavori di ristrutturazione e manutenzione straordinaria, ma che deficita, purtroppo, di una cisterna propria da cui poter attingere l’acqua in caso di  mancata erogazione da parte delle condotte idriche presenti sul territorio. Un problema questo, già sottolineato da tempo e che, rischia, nel caso di episodi come quello accaduto ieri mattina, di paralizzare la scuola. Insomma, se, da una parte, per fortuna non capitano con frequenza problemi alle condotte idriche nella frazione di Piedimonte, dall’altro, è anche vero che, sarebbe il caso che si comincia a valutare l’idea di dotare la scuola di una propria cisterna, in modo tale che, in caso di problemi di erogazione idrica, si possa scongiurare ogni possibile disagio.

 

 

 

Annuncio

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close