Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Identificato e denunciato l’autore del furto da “Picasso”

Si tratta di un giovane napoletano che è stato deferito al termine di una indagine condotta dai carabinieri della Stazione di Ischia, guidati dal luogotenente Michele Cimmino

Che i carabinieri stessero chiudendo il cerchio attorno al ladro, era chiaro da diverse indiscrezioni e lo avevamo anche riportato nei giorni scorsi sul nostro giornale. Adesso però è ufficiale:

Decisiva è stata l’attenta visione di una serie di filmati di videosorveglianza, che hanno consentito di appurare il passaggio di una Fiat Panda con due persone a bordo pochi minuti prima che il ladro entrasse in azione

I carabinieri della Stazione di Ischia, guidati dal luogotenente Michele Cimmino, hanno identificato e denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria l’uomo che la sera del 24 dicembre – agendo a volto coperto per nascondere la propria identità – aveva forzato la porta secondaria della storica barberia “Picasso” (ubicata nella centralissima Piazzetta San Girolamo a Ischia) impossessandosi con estrema agilità del denaro contenuto nella cassa e nella cassetta delle mance di dipendenti e collaboratori dell’attività. Il ladro, così come inequivocabilmente documentato dalla videosorveglianza aveva agito tra le ore 1.06 e le 1.07 entrando per ben due volte nel salone: la prima per portar via una cassetta di cartone con la scritta buone feste posizionata per le mance, la seconda per aprire la cassa e portar via le banconote prima di dileguarsi. Uno dei componenti della famiglia Sirabella, ovviamente, preso atto dell’accaduto si reca a sporgere la regolare denuncia contro ignoti proprio presso la Stazione dei Carabinieri di Ischia, in via Casciaro.

La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire gli indumenti utilizzati per il colpo oltre ad alcuni arnesi da scasso: l’uomo aveva portato via la cassetta con le mance e denaro contante dalla cassa

Già al momento del primo ed immediato sopralluogo, i militari dell’Arma ritrovavano occultata in una siepe la cassetta delle mance, che ovviamente era stata debitamente svuotata. Insomma, inizialmente acciuffare il delinquente sembrava davvero una missione impossibile, non fosse altro per il fatto che lo stesso era davvero riuscito a celare il proprio viso. Ma i carabinieri, in ogni caso, provvedevano a visionare attentamente sia le immagini di videosorveglianza presenti nel negozio oggetto del furto che altre in uso ad attività commerciali limitrofe. Immagini che sono state passate al setaccio e che hanno fornito un dettaglio ritenuto significativo dal luogotenente Cimmino e dai suoi uomini: intorno alle 00.35 del 24 dicembre, infatti, si nota il sopraggiungere di una Fiat Panda di colore scuro, che transita sul luogo del misfatto poco prima che lo stesso venga compiuto e che continua la sua corsa verso via D’Avalos direzione mare. La stessa vettura, tra l’altro, effettua in quei frangenti una manovra di retromarcia soffermandosi per qualche secondo proprio di fronte all’entrata della barberia. Una manovra, questa, che insospettiva non poco gli investigatori che per tale motivo decidevano di acquisire immagini di video sorveglianza anche dal limitrofo Bar Vittoria. Dalla visione delle immagini si appurava che la macchina in questione, proveniente da Corso Vittoria Colonna, transitava davanti al bar e svoltava passando davanti a “Picasso” pochi minuti prima che si consumasse il furto. Dalle immagini peraltro si notava in maniera chiara che a bordo dell’autovettura c’erano due persone che indossavano abiti scuri e le immagini consentivano anche di risalire al numero di targa. A quel punto identificare l’autore del furto è stato decisamente più semplice: i carabinieri della Stazione di Ischia lo hanno dapprima localizzato e poi pedinato, fino a quando è scattata la perquisizione domiciliare, che ha consentito di rinvenire tutti gli indumenti utilizzati per il furto oltre ad alcuni attrezzi da scasso. Le indagini degli uomini guidati dal luogotenente Cimmino proseguono per individuare eventuali complici. Una curiosità: l’autore del furto, di origine napoletana, era già stato denunciato nel 2017 sempre dai carabinieri di Ischia dopo aver messo a segno un colpo all’interno di un centro scommesse. Insomma, per la serie… il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x