CRONACAPRIMO PIANO

Idroambulanza, l’ASL pagherà il soggiorno all’equipaggio

L’azienda sanitaria si farà carico delle spese necessarie per consentire l’attuazione del servizio gestito dai militari della Guardia Costiera

L’Azienda Sanitaria da questa sera garantirà l’alloggio presso un B&B del porto di Procida all’equipaggio dell’idroambulanza gestita dai militari della Guardia Costiera. È questa la soluzione individuata dall’ASL nell’immediato per garantire il funzionamento del servizio di trasporto in emergenza via mare dall’isola flegrea alla terraferma. Dallo scorso novembre, infatti, il mezzo era costretto alla fonda nel porto di Procida, a causa dell’indisponibilità dei militari che ne assicurano la navigazione; gli alloggi della capitaneria dell’isola, infatti, risultano inagibili da alcune settimane.  

Dice Antonio d’Amore, direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord “Siamo intervenuti subito cercando le soluzioni più idonee e rapide alla risoluzione del problema. Il servizio di idroambulanza è essenziale per la gestione ottimale dei trasferimenti in emergenza dalle isole. Tra l’altro abbiamo riorganizzato i protocolli operativi del servizio con il nostro 118, a partire dallo scorso luglio, quando la gestione delle idroambulanze di Ischia e di Procida è tornata alla nostra ASL. L’impegno che abbiamo assunto nel farci carico dell’alloggio dei militari della capitaneria risponde alla logica di garantire il servizio nel periodo invernale, quando le condizioni meteomarine possono rendere indispensabile l’utilizzo di questi mezzi.”  

Le idroambulanze attive nel Golfo di Napoli sono tre, una per ciascuna delle isole del Golfo. Il blocco dell’ambulanza di Procida e la temporanea indisponibilità di quella di Capri aveva lasciato come unica idroambulanza attiva quella collocata a Ischia.  Già da oggi il servizio di idroambulanza tornerà in attività. In base al programma dei lavori comunicato all’ASL, i militari della Capitaneria di Porto di Procida potranno riutilizzare i propri alloggi entro qualche settimana. ​

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close