Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Il 5 marzo degli ischitani con la vita monastica e i miracoli di san Giovan Giuseppe della Croce nelle artistiche vignette della talentuosa pittrice isolana Angela Impagliazzo

IN OCCASIOINE DEL 278° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA AL CIELO DEL SANTO PATRONO GIOVAN GIUSEPPE DELLA CROCE Tornano sull’ isola l’ ex Vescovo di Ischia Mons. Pietro Lagnese Vescovo di Caserta e nostro Amministratore Apostolico in sede vescovile vacante per il Pontificale e Fra Carlo D’ Amodio Ministro provinciale della Provincia napoletana del SS. Cuore di Gesù dell’Ordine del Frati Francescani per la concelebrazione sokenna della Santa Eucarestia.

Il 5 marzo è l’attesa e sacra Ricorrenza in cui tutti gli ischitani sull’isola, in special modo a Ischia Ponte e nel mondo, amano vivere e far sentire la loro piena vicinanza al suolo natio per il giorno festivo in onore e memoria del Santo concittadino San Giovan Giuseppe della Croce.

L’INCONTRO DI FRATE GIOVAN USEPPE CON LE NOBILDONNE PARTENOPEE PER LE VIE DI NAPOLI

E’ il giorno particolare della festa in cui ciascun ischitano si ritrova per osannare la grandezza spirituale del Santo conterraneo a cui si sente profondamente legato per vincoli di fede incondizionata e per invocati segni miracolosi. Quindi mentre oggi il Borgo di Celsa, con l’intero suo popolo devoto, il Vescovo di Caserta Mons. Pietro Lagnese ancora con noi nelle vesti di Amministratore apostolico in sede vescovile vacante, il parroco Don Carlo Candido e gli ischitani dell’isola sono tutti stretti intorno al proprio Santo concittadino, protettore e patrono, nell’altra parte del mondo, ossia, in California ed in Argentina ed ovunque per il resto del Globo si sia un paesano, gli ischitani emigrati e i figli degli ischitani colà residenti , nelle stesse ore stanno vivendo ugualmente in festa, sia pure da molto lontano, la propria fede e vicinanza al loro fratello e padre Santo concittadino San Giovan Giuseppe della Croce.

ANGELA IMPAGLIAZZO – LE LETTERE DEL SANTO ALLA FAMIGLIA ED AI SUOI GENITORI

Lo fanno con programmi intensi e festosi in comunità attirando anche chi non è ischitano eche del nostro Santo fino ad oggi nulla sapeva . C’ è la pandemia in atto a disturbare e preoccupare. Ma la fede e la vicinanza al Santo ci tengono al sicuro. In pratica il Borgo vive. Vive al riparo dal contagio del Covid ed alla luce dell’effetto festa patronale silenziosa che in questi giorni gli ischiapontesi, hanno seguio partecipando al tradizionale novenario in onore del loro Santo Concittadino San Giovan Giuseppe della Croce ed al quotidiana celebrazione eucaristica delle 9 del mattino. La festa e le funzioni di rito stanno tutte sul filo diretto casa- Chiesa con identica devozione e sentimento di fede. Si onora San Giovan Giuseppe come si può nella migliore maniera. Oggi che il 5 di marzo, giorno storico della salita in cielo del Santo, nell’antico Borgo di celsa si respira a pieni polmoni il profumo della fede verso la figura e le opere miracolose del proprio illustre concittadino salito alla gloria del Signore. A mantenere accesa la fiaccola dell’amore e della devozione per San Giovan Giuseppe, ci pensa con la sua inventiva appropriata l’amato parroco Don Carlo Candido.

ANGELA IMPAGLIAZZO – SAN GIOVAN GIUSEPPE E LA FESTA RIDIMENSIONATA

Gli esempi del suo attivismo sono pietre miliari lungo il suo impegno parrocchiale al Borgo. Infatti, se proprio la si vuole dire tutta, Don Carlo Candido, dal collaudato pulpito della sua movimentata Parrocchia in Ischia Ponte in tempi normali, una ne ha fatto (ma più di una) e cento ne ha pensate. Ricordare è sempre un piacere.Dopo essersi “inventato” da alcuni anni a questa parte,nel mezzo del mese di agosto, la Festa dell’Assunta con Palio annesso coinvolgendo tantissimi giovani che girano intorno a lui e organizzato le gite parrocchiali per mare e per terra, nell’agosto del 2015, vale a dire poco meno di sei anni fa arricchì il programma dei festeggiamenti si quell’anno del Signore in onore di San Giovan Giuseppe della Croce con una interessante novità, pensata alcuni mesi precedenti, che risultò assai gradita ai numerosi fedeli e turisti che da fortunati spettatori vi presero parte. Si trattò di una iniziativa per così dire francescana, visto che si decise di realizzare per le strade del Borgo Antico di Ischia Ponte il dramma itinerante della vita di San Giovan Giuseppe della Croce ispirata al significato del vecchio mantello malandato del Santo indossato in continuità senza ricambio, tanto da essere identificato per le strade, fra la gente e fra i suoi stessi confratelli in convento, col soprannome di “Frate Cento Pezze”.

ANGELA IMPAGLIAZZO – SAN GIOVAN GIUSEPPE IN MASCHERINA E IDEALMENTE IN PROCESSIONE

“Lasciate stare questi stracci, sono l’abito del mio sposarizio con Cristo” , così San Giovan Giuseppe della Croce rispondeva ai confratelli ed alle persone con cui si intratteneva, quando gli chiedevano se era il caso o meno  di  indossare un nuovo mantello che lo potesse meglio riparare dal freddo e dal vento. La frase storica del Santo, relativa al suo famigerato mantello,  ha cavalcato i tempi ed impressionato  le giovani generazioni sane di oggi ,  abituate ad altri agi, ma sempre più coscienti che seguendo l’esempio di San Giovan Giuseppe,  i valori della  vita corrente possono in positivo raggiungere altezze inimmaginabili.  In pratica non sarà semplice , ma almeno idealizzando  il messaggio francescano del Santo concittadino,  la vicinanza a San Giovan Giuseppe  è avvertita più tangibile, specie in questi giorni di festa dedicati al Santo. Ci piace ricordare quel famoso miracolo del Santo nel giorno della sua morte. Grazia Negra, nel giorno stesso della sepoltura di padre fra Giovan Giuseppe della croce, ebbe modo di sperimentare un miracoloso pezzetto del suo abito.

Ads
ANGELA IMPAGLIAZZO IL MIRACOLO DELLE PESCHE FUORI STAGIONE E LA CONTESSA SPADA

Donna Negra era solita, con 28 libre di farina, 33 di pane. Accadde che per abbondanza di acqua la farina divenne molto liquida, non avendo neppure altra farina da aggiungere. Fu così che invocò il Servo di Dio e con fede viva pose un filo del suddetto abito nella pasta. Questa nel punto stesso si rese prodigiosamente dura, ma il miracolo venne moltiplicato poiché dopo che l’impasto diventò pane il peso era di 14 libre in più elle volte precedenti.

Ads

Foto Giovan Giuseppe Lubrano Fotoreporter

antoniolubrano1941@ischiamondoblog. Com

info@ischiamondoblog.com

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x