LIFE STYLE

Il bon ton natalizio del 2019

Regole semplici ed efficaci per non sbagliare un dono a parenti, amici o colleghi e tante altre utili indicazioni: ecco il vademecum

L’hanno chiamato il Galateo dei Regali di Natale: si tratta di alcune regole semplici ma efficaci per non sbagliare un dono a parenti, amici e colleghi, utile in questi giorni in cui la frenesia dei regali colpisce tutti.

Dai biglietti scritti a mano alle liste con budget fino ai siti dove trovare l’idea per le persone che hanno tutto.

Ecco tutto quello che c’è da sapere per fare il regalo perfetto. Perché più dell’oggetto, contano il gesto, la forma e soprattutto l’affetto.

Tutto parte dalla scelta del regalo in base ai gusti della persona a cui donarlo.

Detto questo, il regalo, sembra inutile dirlo ma repetita iuvant, dovrebbe essere adatto a chi lo riceve: è inutile regalare un libro a chi non ama la lettura, o un attrezzo da cucina a chi odia cucinare e via di seguito. Si presuppone che se ci si scambia il regalo a Natale ci si conosca quel tanto da poter evitare simili errori.

Insomma un regalo di Natale è uno dei modi che abbiamo per coccolare le persone che fanno parte della nostra vita e come tale va vissuto: il dono, la confezione, il biglietto, tutto deve esprimere il rapporto che vi lega a quella persona e la cosa deve essere evidente soprattutto a chi lo riceve!

Il bon ton consiglia massima attenzione al pacchetto: evitiamo le confezioni del negozio dove abbiamo acquistato il regalo, con indicata la griffe, ma dedichiamoci personalmente alla confezione personalizzata e curata del pacchetto. 

Oltre al regalo è fondamentale il modo in cui si consegna e il modo in cui si accolgono gli invitati.

Mara Calzone esperta di galateo ci elenca le regole di una buona accoglienza durante le feste.

Mara, come esperta di Galateo, quali sono le regole di una buona accoglienza a casa durante le festività?

Come prima regola, una brava padrona di casa deve avere garbo, savoir-faire e un sorriso cordiale per ciascun invitato. Ricevere a casa durante le festività mette a dura prova anche le più esperte, quindi il mio consiglio è di organizzarsi per tempo, pianificando con cura tutta la ‘regia’ dei propri inviti per non farsi trovare impreparate ed evitare così inutili ansie da prestazione.

Il Natale, come viverlo al meglio tra le mura domestiche, attingendo dalla tradizione?

Sono una convinta sostenitrice delle tradizioni, soprattutto a Natale. E’ una ricorrenza per me davvero speciale, confortante, da trascorrere in famiglia cucinando dolci natalizi, addobbando l’abete, incartando regali e scrivendo con il cuore un pensiero personale per ogni dono che resterà sotto l’albero fino alla Vigilia. Appena il calendario segna il 1° dicembre è come se tornassi un po’ bambina, consapevole che il periodo dell’anno che amo di più sta per arrivare in tutta la sua magia. Un mese carico di amore, di piacevoli attese, di ore trascorse ai fornelli seguendo le ricette dei miei libri, mise en place scenografiche e addobbi, che raccontano la mia storia familiare. Per viverlo al meglio bastano pochi ingredienti: un sentimento sincero e la voglia di condividere momenti felici e sereni in compagnia delle persone a noi care.

Come sarà la mise en place di Natale a casa di Mara Calzone?

Per questo Natale seguirò le tendenze del 2017 che riportano in auge il colore del lusso per antonomasia: l’oro mixato al rosso. Una nuance preziosa che dona luce e fascino alla tavola delle feste. Lo adotterò per il cocktail a buffet della Vigilia e nella mise en place del 25, utilizzandolo con parsimonia ed attenzione per evitare l’effetto ridondante. Oro nelle stoviglie, rosso nelle decorazioni e nel centrotavola. Un tocco chic per rendere scenografica ed unica la protagonista indiscussa delle feste natalizie: la tavola di Natale.

Esiste secondo lei un Galateo per i regali di Natale?

Certamente. Bisogna dare sicuramente importanza al Galateo del dono e l’importanza della confezione. I regali vanno scelti con attenzione e presentati in confezioni curate, senza dimenticare i bigliettini di auguri con un messaggio personale. Tutto questo dimostra il tempo dedicato e l’impegno che vi sono sottesi, per questo darà gioia a chi lo riceverà. L’educazione e lo stile di una persona si percepiscono dalle piccole cose, uno tra tutti il rispetto verso tutti.

Una ricetta semplice, che non deve mai mancare nei giorni di festa?

Potrà sembrare scontato, ma per me non lo è affatto. Ciò che non deve mai mancare nei giorni di festa è il sorriso e l’abbraccio delle persone che amiamo, senza dimenticare quelle meno fortunate.

Un grande classico delle feste: a pranzo dalla suocera. Cosa consiglierebbe alle nostre lettrici, per fare un’ottima figura?

La formula più saggia è quella di attenersi ad un comportamento garbato, rispettoso e cordiale. Nel caso di rapporti non confidenziali, meglio adottare un sano ‘distacco’ formale e un atteggiamento riguardoso. Per quanto concerne il regalo, il mio consiglio è di presentarsi il giorno dell’invito con un cadeaux ben studiato, scegliendo tra i regali che meglio si adattano ad una signora. Ben venga l’omaggio floreale – una stella di Natale – o un dolce preparato con le proprie mani. Se invece si conoscono bene i gusti della suocera, si può optare per una scelta più personale: un libro di cucina , un set di profumazioni per la casa oppure dei tè pregiati con teiera e tazzine in coordinato. L’importante è restare sempre se stesse senza voler interpretare un personaggio. A lungo andare le personalità escono allo scoperto, quindi è preferibile presentarsi per ciò che si è nel bene e nel male, adottando sempre e comunque la buona educazione.

Buon natale a tutti!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close