Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Il caso accattonaggio, Nunzia Piro: «Tutelare i bambini prima di tutto»

 

Secondo l’avvocato Nunzia Piro, in casi come quello della madre romena accusata di aver usato i propri bimbi ai fini di accattonaggio, il provvedimento scattato nei giorni scorsi è stato doveroso: «Personalmente sono sempre dalla parte dei bambini. La loro tutela è la prima necessità a cui bisogna provvedere. Naturalmente vanno fatti vari distinguo: se lo Stato fornisce tutti i mezzi e gli strumenti per agevolare il pur difficile ruolo di genitore, e quest’ultimo tuttavia si dimostra in quel momento non adeguato al suo ruolo, le istituzioni hanno il dovere di intervenire per tutelare i bimbi. Anzi, nella mia esperienza professionale ho più volte riscontrato interventi da parte dello Stato adottati con un certo ritardo rispetto alla gravità della situazione, proprio per le remore nell’applicare provvedimenti come la provvisoria sottrazione della potestà: quando accade, significa che la situazione è seria, perché è raro che le istituzioni preposte adottino tale soluzione. Naturalmente i genitori possono anche essere aiutati ad affrontare un positivo percorso di recupero, sotto la vigilanza del giudice, al termine del quale potranno tornare ad accudire direttamente i loro figli, che è l’esito più auspicabile. Anzi, in gran parte dei casi il provvedimento è soltanto provvisorio, cioè appunto funzionale alla risoluzione di difficoltà che i genitori si trovano a dover affrontare temporaneamente, prima di essere pienamente reintegrati nel loro ruolo».

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex