ARCHIVIOARCHIVIO 5POLITICA

Il caso dissuasori, Savio scrive a Enzo Ferrandino

Caro Enzo Ferrandino,

vicesindaco e sindaco facente funzioni del Comune di Ischia, ho letto su FaceBook il tuo lungo post relativo alle polemiche innescate dal malfunzionamento dei pilomat. Non mi citi mai, ma è chiaro che talune tue polemiche osservazioni  sono dirette al sottoscritto. Innanzitutto posso garantirti che tutto quello che scrivo è sempre ben documentato da video e foto, proprio perché mai e poi mai presterei il fianco ad alimentare polemiche strumentali che non andrebbero nella direzione della crescita civile e sociale della nostra comunità. Premesso che mi trovi completamente d’accordo sul fatto che se un automobilista per un motivo qualsiasi in dispregio delle regole viola un divieto d’accesso deve essere severamente multato e sanzionato a norma di Legge, ci mancherebbe altro, quello che da mesi sto cercando invano di farvi capire, è che indipendentemente dai motivi che hanno causato continui incidenti all’ingresso delle ZTL, attualmente i pilomat in funzione sono pericolosi per gli automobilisti, gli scooteristi e i pedoni che attraversano le nostre strade e vanno immediatamente disattivati. Sono pericolosi perché, oltre ad essere spesso mal funzionanti, sono privi dei necessari dispositivi acustici e visivi che avvertano i passanti della loro presenza e mancano delle fotocellule che possano farli subito abbassare al passaggio dei pedoni, così come avviene per i tutti i cancelli elettrici scorrevoli. Pensa se i cancelli elettrici scorrevoli mancassero delle necessarie fotocellule, sai quanti cittadini ne rimarrebbero schiacciati?

Come puoi ben vedere dalla foto che tu stesso hai pubblicato e che ritrae un’ambulanza da me fotografata tempo fa all’ingresso di Ischia Ponte, all’inizio i pilomat erano provvisti sia dei sensori acustici che di quelli visivi, sensori di cui attualmente ne sono privi e che li rendono pericolosi. Punto. Nei mesi scorsi postai su FaceBook delle foto della gamba di mio figlio Simone di cinque anni è mezzo che andò a sbattere contro il pilomat di Ischia Ponte durante la fase di chiusura del dissuasore. Mio figlio si ferì solo lievemente la gamba (un piccolo livido), pianse per un quarto d’ora per la paura e non si spaccò la faccia e la testa solo perché camminando gli tenevo la mano ben stretta e riuscii a sollevarlo in aria prima che lo facesse il dissuasore elettronico con tutte le gravi conseguenze che ne sarebbero derivate. Ma stiamo scherzando? Ma veramente prima di disattivarli aspettiamo che qualcuno si ferisca gravemente??? Possibile che dobbiamo arrivare a questo??? Caro Enzo, umanamente capisco il tuo tentativo di difendere il fallimentare operato della tua amministrazione che per quanto mi riguarda a Ischia oltre ad un terribile ed intollerabile abbandono sociale, lascerà solo un mare di “macerie” e problematiche irrisolte, ma non puoi continuare a negare che attualmente i pilomat presenti sulle nostre strade siano pericolosi e che in attesa del ripristino dei sensori acustici e visivi e della collocazione delle necessarie fotocellule, vanno disattivati ad horas. E io, dopo questo mio ennesimo post in cui pubblico un brevissimo video girato stamattina e che mostra la pericolosità del pilomat  di piazza degli Eroi, spero e confido sinceramente in un tuo immediato intervento con cui disponi la disattivazione di questi autentici pericoli mobili. Fallo prima che sia troppo tardi. Fallo prima che qualche turista o qualche residente si ferisca gravemente come stava accadendo per mio figlio. Un’ultima nota. Da alcuni giorni i pilomat collocati fuori  la Boutique  “Scaglione” sono spenti perché evidentemente anch’essi mal funzionanti o guasti e stasera, per curiosità, mi sono soffermato in zona per una ventina di minuti aspettandomi un via vai di auto che si introducevano nel centro storico. Ebbene, sarà stato un caso strano, un’eccezione, però posso garantirti che su quel tratto di strada non è transitato proprio nessuno. Nel tuo post affermi che rispetto al passato, attualmente i Vigili disponibili sono pochi però, consentimi l’osservazione, ad elevare multe ovunque sembra ne abbiate a disposizione una gran quantità visto i “foglietti” bianchi che quotidianamente si notano sui parabrezza delle auto. Eppure per presidiare le ZTL nelle ore di punta, basterebbero solo  quattro Vigili. Uno a Ischia Ponte, uno a Piazza degli Eroi, uno in via delle Terme e un altro  alla Riva Destra. E non dirci che questo non sarebbe possibile… Nell’attesa di un tuo immediato intervento, ti saluto cordialmente.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close