Statistiche
LE OPINIONI

IL COMMENTO Adesso non fermate l’industria dello spettacolo

DI GIANMARCO BALESTRIERI

La ripresa nel settore dello spettacolo è stata molto lenta e soprattutto non uniforme. In alcune zone d’Italia si è badato di più a dare spazio e voce agli operatori dello spettacolo, in altre meno. Nonostante tanti passi lenti il nostro settore è ripartito, sotto l’aiuto del ministero della cultura che è stato molto presente e vigile su ognuno degli addetti ai lavori dal più piccolo al più grande. Con l’inverno, il nostro settore non deve fermarsi ma anzi deve esplodere definitivamente, ci sono delle normative precise che permettono a tutti di assistere all’evento senza particolari rischi, dal green pass, a chi può semplicemente usufruire del tampone entro 48 ore dell’inizio dello spettacolo. Con la fine dell’estate e con le normative governative, viene fuori sempre di più l’idea che ha avanzato Draghi di “debito attivo”, ovvero, il debito che affronta lo Stato per cercare di creare manodopera e nuovi orizzonti, a discapito del debito passivo, rappresentato dal classico aiuto a fondo perduto. Noi operatori dello spettacolo stiamo vivendo per primi queste nuove prospettive, il nostro Presidente del Consiglio è stato chiaro e preciso, ed ha messo in atto una serie di iniziative proprio per rimettere in piedi tutto il settore a partire proprio dalle feste di piazza.

Chi scrive a giugno a messo in piedi il primo evento all’aperto con la Campania in zona bianca, ma la realtà dei fatti è che la ripresa è molto più lenta di quello che immaginavamo, ma tutto sommato si riparte da un recupero del fatturato che nel 2020 era stato praticamente azzerato. L’inverno deve essere una stagione all’insegna della ripresa, con iniziative private e pubbliche per rimettere in piedi il settore, sfruttando una serie di normative che permettono di divertirsi in massima sicurezza, senza discriminazioni. Lo spettacolo è vita, un sorriso ha un valore doppio in questo momento, ricordo ancora la gente che mi ringraziava commossa dopo l’evento di giugno per aver rivissuto un momento di vita che sembrava dimenticato. Tutto quello accaduto fino ad oggi deve servirci da lezione affinchè non si ricommettano gli stessi errori, agli spettacoli si accede con tampone o con green pass, chi trasgredisce merita la revoca della licenza a mio modo di vedere o una multa salatissima, perché poi a pagarne le conseguenze siamo tutti. Spettacoli e regolamentazioni e torniamoci a riprendere il nostro inverno, torniamoci a riprendere la nostra vita.

* AGENTE DI SPETTACOLI

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x