LE OPINIONI

IL COMMENTO Cava Pozzillo, diamo un’attrazione turistica in più

Qualche giorno fa si è recata una delegazione a Cava Pozzillo per effettuare una ispezione sullo stato dei luoghi. Erano presenti i tecnici dell’Utc del Comune di Casamicciola Terme, della struttura commissariale, del Genio civile e dell’Autorità di bacino. Conosco benissimo quell’alveo! Mi ricordo dei lavori mastodontici effettuati ca. 15 anni orsono. È un alveo di straordinaria bellezza! Sembra di andare in un canyon! Esso non è niente altro che una faglia (una crepa nella crosta terrestre) che divide la parte antica dell’Isola d’Ischia caratterizzata dal tufo verde e dai suoi materiali di disfacimento, dalla parte più giovane dell’Isola, che sono le vulcaniti del Vulcano Rotaro, che sovrasta la faglia stessa. Le faglie sono anche coloro le quali forniscono l’Isola d’Ischia delle acque termali. Le piogge abbondanti hanno scavato quel canale che porta tutto oggi le acque piovane a mare lungo il ruscello tombato che si svincola sotto la strada denominata della lava. Prendendo le giuste accortezze e stabilizzando le pareti, a volte a strapiombo, si potrebbe trasformare quel luogo in una attrazione turistica. Con l’installazione di un sentiero campestre, esso potrebbe essere un luogo di tranquillità che potrebbe dare ai turisti, specialmente a quelli che approdano a Piazza Bagni, un luogo ove ritirarsi e fare bellissime passeggiate immersi nella natura. In ca. 20 minuti si potrebbe andare da Piazza Bagni al Rotaro senza passare per Via Cretaio che è sprovvista di marciapiedi per i pedoni.

Unica pecca è che il vallone non sfoga, come in passato era possibile, a Fondo d’Oglio (Rotaro!). Solo rifacendo il congiungimento con Fondo d’Oglio sarebbe un percorso per eccellenza che potrebbero utilizzare anche gli escursionisti occasionali e non! Oggi il turista che arriva ad Ischia è sempre più interessato a fare passeggiate per sentieri appartati che non vanno lungo le strade intasate di auto. Infatti si assiste, anno dopo anno, che sempre più turisti vanno a piedi per la strada Via Cretaio per vedere il cratere del Rotaro, le fumarole e l’oasi di straordinaria bellezza che attornia il cratere stesso! La messa in sicurezza dei versanti (che in ogni caso devono essere eseguiti!) e lo sbocco a Fondo d’Oglio (Rotaro) potrebbe dare un’attrazione turistica in più per il Comune di Casamicciola Terme. Inoltre rendendolo accessibile a tutti esso viene continuamente monitorato e non ci si deve più meravigliare, quindici anni dopo la fine dei lavori mastodontici, che nel canyon la situazione è cambiata.

Non vi sarebbe più la possibilità che si formano, attraverso ostruzioni dovute a frane e smottamenti, dei laghetti che poi straripando mettono in pericolo gli abitanti del luogo. Tenendo il percorso accessibile a tutti, esso viene di conseguenza sempre monitorato. Spero solo che i tecnici tengono conto di questa magnifica opportunità che si presenta al comune di poter dare ai suoi turisti e cittadini una attrazione naturalistica in più!

PS: Questo potrebbe essere uno dei tanti compiti di un eventuale parco geologico istituito sull’Isola d’Ischia. Esso potrebbe occuparsi di studiare il fenomeno e consigliare le scelte adeguate ed appropriate per risolvere il problema in breve tempo.

* GEOLOGO

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close