LE OPINIONI

IL COMMENTO Ciao Andrea, faro dell’imprenditoria alberghiera

DI ENZO FERRANDINO

Ricordo con tenero affetto il Carissimo Andrea Monte, figura emblematica della imprenditoria foriana e dell’isola d’Ischia. L’ho conosciuto quale fervido sostenitore della unificazione delle aziende alberghiere dell’isola d’Ischia sotto l’unica sigla dell’Associazione Albergatori Isola d’Ischia. Infatti guidava e teneva insieme gli albergatori di Forio che di lui nutrivano sentimenti di grande stima. In poco tempo ha riscosso l’apprezzamento anche di tutti i colleghi isolani che lo hanno scelto per rappresentare le aziende alberghiere nella promozione turistica affidandogli la gestione del Consorzio degli albergatori, che tanta promozione ha realizzato nelle principali fiere internazionali. Il suo carisma e la fiducia, che guadagnava tra i colleghi, gli attribuivano un’autorità che utilizzava per il bene comune. Ascoltava e dava attenzione a tutti e, prima di intraprendere qualche iniziativa, cercava il consenso e la collaborazione.

Una sua particolare ma simpaticissima virtù era la calma compassata che lo caratterizzava e rendeva assolutamente unico anche nel parlare e nei modi di esprimersi. Anche nei momenti più complessi e difficili però ispirava la giusta fiducia nella soluzione delle problematiche. Girando per fiere, ho condiviso con Andrea tantissimi momenti e abbiamo imparato a conoscerci. Ti stava vicino e non ti lasciava mai solo. Con uno sguardo ti indicava il suo apprezzamento, manifestandolo senza bisogno di aggiungere parole. Siamo stati insieme alle principali fiere. Quindi le fasi della preparazione e della realizzazione degli stand e del materiale promozionale ci imponeva una frequenza collaborativa di non poco conto. Ricordo con simpatia che un anno a Milano uscivamo dall’albergo con tempi stretti per l’apertura dello stand ed io tenevo un passo più svelto rispetto alle tue possibilità e mi dicesti: è inutile che corri perché anche se arrivi prima, mi devi aspettare comunque! Mancherai a tutti a noi, caro Andrea: che la terra ti sia lieve.

* DIRETTORE FEDERALBERGHI ISCHIA

Articoli Correlati

Un commento

Rispondi

Back to top button
Close