Statistiche
LE OPINIONI

IL COMMENTO Gli esami non finiscono mai

DI CHIARA CONTI

Lo diceva anche il grande Edoardo, gli esami non finiscono mai. Devo ammetterlo: rispetto a quando l’ho sostenuto io, molti anni fa , oggi l’esame di Maturità è decisamente cambiato. Più prove scritte, il colloquio multidisciplinare e poi il meccanismo dei crediti: ancora, si dà molto peso a quanto si è studiato durante gli anni precedenti. Ma è meglio adattars, meglio andare oltre. Tempo fa é  uscito un simpatico libretto: “Promosso! Manuale di sopravvivenza all’esame di maturità”, curato e pubblicato da Mondadori. Fin dall’inizio, si sdrammatizza: “Ciao, sono il tuo navigatore. Tra poco, pochissimo (troppo poco) sarai lì, seduto in un banco  che non è nemmeno quello di sempre, spalle gobbe e mani sudate, di fronte a un foglio bianco. Protocollato”. Già: chi non ricorda quell’orrenda sensazione di vuoto, le ginocchia che cedono, i 40 gradi nell’aula? “Abbiamo cercato di raccogliere i consigli pratici più utili agli studenti, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto psicologico” dice Marta Ferrucci, una delle curatrici del manuale. “Tenendo conto di un dato: quel che fa più paura è il colloquio, che terrorizza il 42 per cento dei candidati. A seguire, la prima prova scritta”. L’obiettivo è arrivare, non dico rilassati, ma almeno consapevoli. E rinunciare alla frenetica ricerca delle tracce del tema: impossibile trovare quelle vere. Per affrontare l’esame di maturità é necessario chiedersi: cosa significa maturità ?

Vorrei che ai ragazzi i prof insegnassero a vivere. Sciascia, Ungaretti, versione di greco che neanche i prof decifrano, non sono fondamentali. Essere maturi per me significa saper vivere, sapersi comportare,aiutare gli amici .Saper leggere la realtá,sapersi proiettare verso il futuro. Vi chiederete: allora la Scuola non serve? Niente affatto,,solo studiando il passato potrete capire e cavalcare il futuro. Un consiglio per l’orale? Qualsiasi domanda, parlate di voi, dei vostri sogni, parlate di Dalla Chiesa, di Falcone, di Borsellino, degli uomini coraggiosi che sono morti per i loro ideali, di un vostro prof..o della vostra maestra che tanto vi amato. Insomma, non abbiate remora alcuna: parlate di voi senza timore

E adesso eccovi dei consigli, cinque punti per affrontare al meglio quel che resta del vostro esame.

1 Sfruttare al massimo il tempo che resta, organizzando lo studio. Fondamentale una tabella di marcia, divisa in tappe, con un orario di lavoro giornaliero che preveda l’alternanza tra materie pesanti e leggere.

Ads

2 Scegliere una tesina originale. La tesina è un biglietto da visita, fondamentale per rompere il ghiaccio. Meglio non scegliere un classico come la Seconda guerra mondiale. Una volta individuato l’argomento, farsi una mappa concettuale per collegare le materie.

Ads

3 Evitare come la peste il copia/incolla. Ai miei tempi c’era il Bignami, ora il ctrl+c/ctrl+v: uguale. I prof non sono scemi, vi beccano di sicuro.

4 Non arrampicatevi sugli specchi: può essere controproducente, rischiate in infilarvi in un vicolo cieco. Meglio lasciar perdere.

5 No a sonniferi o tranquillanti. Sono pericolosi. Aiutatevi con lo yoga, con esercizi di respirazione che vi aiutino a ritrovare la calma persa. Al massimo,

Nb la notte prima degli orali……dormire. In bocca al lupo, ragazzi. E buona vita a tutti voi.

DIRIGENTE SCOLASTICA

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x