LE OPINIONI

IL COMMENTO I liquami a mare

Il servizio del TG3 Campania di sabato sera ha aperto con un servizio “Scarichi a mare. Una storia di 30 anni” sui liquami che scaricano dal Rio Corbore appena vi è un accenno di pioggia. Un intero spazio di costa invaso da m… Come sapete, la Comunità Europea ha sanzionato l’Italia per il ritardo della costruzione dei depuratori in molte zone del paese. Il Governo ha nominato un Commissario ma i risultati, dopo tre anni, non si vedono. I Sindaci dell’isola stanno svolgendo una azione di rilievo nel tentare di far capire al Commissario, con studi anche di professori universitari, che i depuratori potrebbero essere addirittura inutili se solo si apportassero alcuni piccoli accorgimenti tecnici sulle condutture. Ma il Commissario procede con il rallentatore se si considera che si è ancora in una fase di studio e progettazione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tre anni a curare il malato ma questo sta per lasciarci. La mia meraviglia è quella di vedere albergatori e commercianti che non hanno capito che uno dei segmenti essenziali del turismo ischitano è quello balneare. Il Rio Corbore sfocia vicino a due stabilimenti balneari storici e ad uno degli alberghi più “in” della zona. Il potere dell’albergatore che subisce un vero danno non viene esercitato dalla sua organizzazione ma neanche da quella degli albergatori per tentare di accelerare le procedure per costruire almeno le condotte a terra per poi vedere se bisogna farli o no questi benedetti depuratori. Da notizie vaghe sembra che all’EVI si stia preparando un dossier da sottoporre al Ministro Beni Ambientali, Costa. Sorprende la lentezza di intervento verso la politica che conta dei sei sindaci, degli albergatori, dei balneari, dei commercianti e delle associazioni ambientaliste. Si ha netta l’impressione che tutti considerano la crisi turistica dell’isola risolvibile contrastando il sistema extralberghiero come il settore che crea il danno maggiore all’isola.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close