LE OPINIONI

IL COMMENTO La chiesa a Ischia

Cosa potrebbe fare la Chiesa ad Ischia per rendere più dignitosa le problematiche inerenti alcuni precetti? Vi è mai capitato di assistere ad una esequie per esempio nella Chiesa di Portosalvo ad Ischia? Tra bestemmie di tassisti ed automobilisti che devono mettersi in fila fino al municipio con un ingombro traffico indecente diventa difficile mettersi in comunione con chi è morto. Durante il Vescovato di Padre Strofaldi, su una mia richiesta di fare di una delle chiese del comune una funeral home, stavamo quasi per realizzare il progetto. Il Vescovo si ammalò e dovemmo desistere. La chiesa scelta era quella di San Domenico nei pressi del cimitero. Il Comune avrebbe piantato due filari di cipressi tra il cimitero e la chiesa ed il feretro dopo la cerimonia sarebbe stato trasportato a spalla dai congiunti ed amici. Come ai vecchi tempi.

Al cimitero si sarebbe potuto arrivare in macchina esistendo nelle immediate adiacenze un bel parcheggio per assistere al rito. Caro Vescovo Lagnese la riprendiamo questa idea? Perché è così difficile dare dignità alle cose importanti della vita? Visto che ci troviamo vogliamo chiedere al Comune 300 metri quadri del parcheggio per creare un forno crematorio? La mancanza di spazi all’interno del cimitero sta sotto gli occhi di tutti; forse potremmo prendere due piccioni con una fava?

Con l’allontanamento dalla Chiesa cattolica romana e più genericamente dalla religione in generale di tante persone, forse è ora di dare significati qualificanti a tante forme di vera religiosità che sprigionano dall’anima in tanti momenti tragici?

Non andrebbero combattute tutte le forme di esteriorità per rifugiarci nella contemplazione del sacro e divino? Come si fa ad avvicinarsi a Dio quando il mercimonio lo si vede in troppe cose?

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close