LE OPINIONI

IL COMMENTO L’eterna storia di Punta Molino

Sta diventando ridicola tutta la storia della baracca da spostare dalla piazzetta Ugo Calise all’interno dello stabile. Dopo il sequestro della baracca un gruppo di cittadini, attraverso la stampa locale, vorrebbe eliminare quello che ritengono una deturpazione del monumento. Si chiede all’Amministrazione Comunale di conoscere quale é la situazione amministrativa della baracca e se è munita di tutte le autorizzazioni

In ultimo si vorrebbe sapere se la baracca é autorizzata per la stagione estiva o annuale. Gianluca Trani ha proposto una interrogazione ma deve aspettare,come per legge,un mese per la risposta. Un mese per permettere la riapertura del bar? Il cittadino comune si chiede in che mani siano capitati.

Una operazione lineare. Si sposta il gestore all’interno per non danneggiarlo,si chiede in cambio la pulizia dello stabile e la guardania. Vi sembra questo un delitto? O chiedere la luna nel pozzo? Ho contezza che il Sindaco è d’accordo. C’é chi deve proteggere qualcuno nel vecchio modo di fare amministrazione? Vogliamo scoprirlo? Avevo scritto che il Presidente dell’associazione “Largo dei Naviganti” aveva consegnato le chiavi al Sindaco. Notizia sbagliata. Le chiavi del carcere le ha consegnate al Signor Conte, la volontaria/ guardiana. Ma fa che il problema è la gestione del carcere da Parte dell’associazione? La struttura si è ridotta a fare la festa della “Bambinella” e poco altro.

Crede questa Giunta Comunale e il responsabile della struttura che una ricchezza come quell’immobile debba essere usata per così poche cose? Vi dico che qualcuno sarebbe interessato a farne un bar culturale sempre nell’ottica dell’associazionismo ed altri a sviluppare la bella idea avuta dall’associazione del “Festival dei popoli del Mediterraneo”. A questo punto non posso che rivolgermi al Sindaco che, sebbene io non lo abbia votato é anche il mio Sindaco, per chiedergli se intende emettere un comunicato stampa per informare la cittadinanza di come stanno le cose.

Ancora meglio convochi un Consiglio comunale. La Bella Ischia, caro Sindaco, ha bisogno del suo coraggio. Se vogliamo alzare lo standard qualitativo del Comune dobbiamo interessarci anche dei dettagli. Ad Maiora.

Annuncio
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close