LE OPINIONI

IL COMMENTO Perché dico no al boicottaggio

Ho ricevuto almeno una decina di messaggi whatsapp che mi invitavano caldamente a boicottare (e dunque non acquistare) i prodotti di Germania, Austria, Finlandia e Olanda. Non sono d’accordo perché le nostre esportazioni in questi paesi sono superiori alle importazioni e per un paese come l’Italia sarebbe catastrofico se dovesse passare questa linea concettuale. La strada da seguire è invece quella di convincere i Governanti di questi paesi che questa pandemia la si supera solo stando insieme. Il nostro europarlamentare da Bruxelles, Giosi Ferrandino, è convinto che si raggiungerà un accordo. E noi lo speriamo perché sicuramente non ci faremmo affondare come nazione. I quattro paesi non penso abbiano governanti che non capiscano che l’Italia è troppo importante per non trascinarci anche loro dietro. Però una considerazione bisogna farla. Perché tutti quei popoli dovrebbero aiutarci? Non sarebbe anche logico, dopo che siamo vissuti più o meno, tutti gli italiani, su un debito pubblico come il nostro, incominciare da noi a fare qualcosa?

Abbiamo un debito pubblico che sfiora i 2500 miliardi. Abbiamo una ricchezza nazionale calcolata sui 7.000 miliardi. Se a questi paesi dicessimo che vogliamo dimostrare loro che siamo rinsaviti, di quanto in questa fase difficilissima del paese dovremmo ridurre il nostro debito nazionale pubblico? Io sarei disposto a contribuire con il 20% di quello che ho sul mio conto corrente anche avendo contribuito molto poco alla creazione del debito nazionale. Non ditemi che a questi politici non dareste neanche un euro da far gestire perché potremmo essere tutti d’accordo. Ma come si esce da una situazione drammatica senza entrare nella soluzione tutti noi?

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button