Statistiche
LE OPINIONI

IL COMMENTO Procida e Ischia, se Cupido lancia la freccia

Ischia è la più grande ed anche la più completa, ha tutto, forse troppo per dare la giusta importanza ad ogni singola cosa. Si è sempre sentita superiore diciamo la verità, non aveva nulla da temere rispetto alla piccola e timida Procida, che da sempre ha sofferto l’isola grande. Un piccolo scoglio roccioso in mezzo al mare, spiagge con la sabbia nera e con tante conchiglie, poca tradizione contadina, che lascia spazio a quella marinara. Sono rinomati i limoni ma niente di più, l’isola delle case colorate e dai mille scalini, ha però conservato gelosamente nel tempo il suo carattere. E il punto di forza sono i procidani, hanno pazienza, sanno aspettare, custodendo i loro tesori, le loro tradizioni, rispettando il territorio lasciando rivivere storie dal sapore antico. E se Ischia e Procida, in questo evento storico in cui la piccola isola è capitale italiana della cultura si guardassero con altri occhi? Magari con occhi innamorati, abbracciandosi con lo sguardo, allargando i loro confini, e facendosi del bene a vicenda.

Mi viene in mente una storia che ho ascoltato da bambina, proprio da una signora procidana che raccontava mentre ricamava, le donne di Procida per la maggior parte sono mogli di marinai, sono donne forti, sono abituate a stare da sole lunghissimi periodi, con figli e senza figli e spesso la solitudine è pesante come un macigno, passano il loro tempo anche a ricamare proprio come Penelope in attesa del loro Ulisse. Siamo negli anni cinquanta, Mariannina giovane sposa di un marinaio, anche lei aspettava il ritorno del suo sposo e trascorreva le sue giornate cercando di riempirle, a volte il tempo non passava mai anche se circondati dal bello, dovunque c’è bellezza, Miseno con il suo faro, Torre Gaveda, fino a perdere l’occhio verso Ischia che sembra adagiata sull’acqua, ma ti stanca anche questo quando la solitudine pesa, Mariannina quando può va a raccogliere le conchiglie sulla spiaggia della Chiaia, lungo il tragitto c’era un cantiere, erano operai di fuori, ed era capitato quello sguardo furtivo, prima per caso e poi cercato fino a quella volta in cui Mariannina lascia cadere il lenzuolo dal suo balcone ed il giovane lo raccolse. Procida ha avuto quel coraggio di riuscire ad uscire fuori dal coro ed essere protagonista in mezzo al mare, ma ha bisogno di aiuto e se Procida come Mariannina lascia cadere il lenzuolo, speriamo che Ischia la guardi con occhi innamorati e lo raccolga.

Potrebbe nascere una storia d’amore fra due isole in mezzo al mare. Ischia ha tutta la ricettività di cui Procida ha bisogno, per tutti i gusti e per tutte le tasche e poi, sono talmente vicine, bastano giusto 10 minuti di aliscafo o motonave, ma è proprio questa la nota stonata di quello che potrebbe essere un idillio perfetto non possiamo contare su quel megafono che indica “scalo di Procida“! Procida ed Ischia hanno assolutamente bisogno di un collegamento diretto per la comodità e la praticità di tutti i turisti che vorranno visitare e partecipare a tutti gli eventi legati alla capitale della cultura italiana e che soggiornano ad Ischia. E se i nostri primi cittadini non iniziano a pensare con una sola testa, i nostri dirimpettai come Torregaveta potrebbero organizzarsi meglio e noi potremmo perdere una grandissima occasione per rilanciare il turismo ad Ischia anche qualitativamente grazie a Procida. E allora va corteggiata no? Stendiamo dei tappeti verso Procida, ma facciamolo insieme, Ischia deve presentarsi compatta, può arricchire e rendere confortevole il soggiorno a tutti i turisti che verranno ad omaggiare Procida. E se ci sappiamo organizzare, apprezzeranno i nostri alberghi, si faranno sedurre dalle nostre acque minerali, coccolare nei parchi termali unici al mondo. E inoltre avranno a disposizione archeologia, storia, cultura e non inventata, costruita, ma quella che si può respirare, dal Museo di Villa Arbusto, al Castello Aragonese, alla Baia di Cartaromana, rimarranno stupiti dai Giardini La Mortella, fra i più belli d’Europa. Finirà che tutti i visitatori di Procida saranno meravigliati dalle caratteristiche e dalle tradizioni della piccola isola, ma resteranno stregati dal fascino che avvolge Ischia e della varietà di cose che può offrire. E se non siamo stati lungimiranti come Procida e non siamo stati animati dal suo coraggio, inchiniamoci al suo cospetto, dimostriamo almeno una volta che sappiano stare anche insieme.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x