CRONACAPRIMO PIANO

Il costone, la strada che apre e richiude: un’altra giornata di passione

Soltanto a ora di pranzo ieri il tratto di ex SS270 a Casamicciola è stato riaperto alla circolazione veicolare ma non c’è stato tempo di gioire: nuova allerta meteo e nuova chiusura fino alle 21 di stasera. Ma sul costone franoso è stato installato un sistema di monitoraggio che presto entrerà in funzione. E oggi arriva l’ordinanza di Legnini

Un’altra giornata vissuta all’insegna del surreale, trascorsa per quasi l’intera mattinata tra rabbia, sconforto, disperazione. E – speriamo – anche rassegnazione perché qui il rischio è quello che cominci a farla da padrona l’esasperazione, con tutto quello che potrebbe conseguirne. Ieri mattina alle 6 scadeva l’allerta meteo e tutti gli occhi erano puntati sul tratto di ex SS270 in via Tommaso Morgera a Casamicciola, che avrebbe riaperto i battenti soltanto dopo il sopralluogo dei tecnici della Città Metropolitana. Le operazioni sono andate decisamente per le lunghe al punto che l’arteria è stata riaperta alla circolazione veicolare (sempre con il senso unico alternato regolato da semaforo) intorno alle 13 e senza nemmeno la pubblicazione di un’ordinanza ma semplicemente eliminando lo “sbarramento” dei tutori dell’ordine che impedivano il passaggio dei veicoli non autorizzati sull’uno e sull’altro senso di marcia. Di ordinanza, a onor del vero, ne sarebbe arrivata una sola, la n. 42, che comunicava sia la riapertura fino alle 20.59 di ieri sera che la chiusura per le successive 24 ore. Alcuni giorni fa abbiamo lanciato l’allarme, ossia il rischio di finire al manicomio. Il problema è che ci siamo finiti per davvero. Insomma, un gran casino praticamente per nulla? No, perché finalmente qualcosa si è mosso, come comunicato peraltro dallo staff del commissario per l’Emergenza Giovanni Legnini e passiamo a spiegare perché quella di ieri tutto sommato non è stata una mattinata trascorsa invano.

Nella giornata di ieri, come annunciato anche con una nota, sono stati avviati i sopralluoghi ed il monitoraggio strumentale del cedimento franoso sul costone prospicente la SS270, disposti proprio da Giovanni Legnini. In mattinata, i tecnici dell’Università di Firenze, accompagnati dai Carabinieri, hanno potuto accedere agli edifici sovrastanti il costone franato ed installato un sistema di monitoraggio capace, in tempo reale, di segnalare il minimo movimento delle strutture. Gli esperti dell’Università del Sannio e della Federico II di Napoli, insieme ai tecnici della Protezione Civile, hanno condotto un sopralluogo sia a valle, che a monte della frana con i tecnici del Comune di Casamicciola e della Città Metropolitana di Napoli. Le valutazioni e i primi esiti delle analisi saranno resi disponibili già questa mattina, e saranno recepiti nell’Ordinanza del Commissario che disciplinerà, indicando i tempi e i soggetti attuatori, l’intervento di messa in sicurezza. L’auspicio è che quest’ultimo consenta in tempi brevi la riapertura della strada in entrambi i sensi di marcia, superando le attuali limitazioni dipendenti dalle allerta meteo. “Ringrazio il Direttore della Protezione civile della Campania, Italo Giulivo, che sta attuando gli interventi per la riduzione del rischio residuo, così come tutti gli esperti dei migliori atenei italiani che si stanno adoperando per il ripristino delle condizioni di massima sicurezza nell’isola, il Commissario prefettizio Calcaterra, i tecnici del Comune di Casamicciola, la Regione Campania e la Città metropolitana di Napoli, i Vigili del fuoco, che stanno assicurando assistenza tecnica e massima collaborazione. La riapertura della SS270 in condizioni di assoluta sicurezza – sottolinea il Commissario Legnini – è prioritaria per garantire ai cittadini, già duramente fiaccati dai gravi eventi dei giorni scorsi e da numerose precedenti calamità, la ripresa delle normali attività”. Intanto ancora oggi saranno centinaia gli studenti che – impossibilitati ad attraversare la strada – salteranno la giornata didattica. Ma questo pare essere davvero diventato un aspetto marginale.

Foto FRANCO TRANI

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex