ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Il giorno della verità per il maresciallo accusato di peculato

ISCHIA. Si terrà stamane l’interrogatorio di garanzia per il Maresciallo dei Vigili Urbani di Ischia, Michele Costagliola Di Fiore, colpito nei giorni scorsi da un’ordinanza, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli, la dottoressa Maria Gabriella Pepe, su richiesta della locale Procura della Repubblica (settore reati contro la pubblica amministrazione), di misura cautelare impositiva degli arresti domiciliari. Il sottoufficiale della Polizia Municipale, difeso dall’avvocato Immacolata Capuano, risulta  gravemente indiziato del reato di peculato continuato in danno dell’ente Comune di Ischia. Le indagini effettuate sotto il coordinamento del pubblico ministero Alfonso D’Avino, hanno accertato che nel quinquennio 2011-2015 il Costagliola si è appropriato della somma complessiva di euro 87.245,68 ricavati dalle sanzioni inflitte per le infrazioni al Codice della Strada. Gravi, secondo la Procura, gli indizi di colpevolezza a carico dell’esponente della polizia municipale di Ischia, che hanno indotto gli inquirenti a richiedere gli arresti domiciliari, richiesta accolta dal GIP, a fronte della reiterazione della condotta per più anni, , mostrando, secondo il P.M., di non aver alcun rimorso circa il suo operato, oltre al “totale spregio per il patrimonio dell’amministrazione di appartenenza”: insomma, i fatti contestati sarebbero così gravi da non ritenere applicabile il beneficio della sospensione della pena. Come già anticipato nei giorni scorsi, la vicenda va letta anche alla luce dello stato di salute del Maresciallo Costagliola, affetto da ludopatia, una patologia che ne ha richiesto la cura presso un centro specializzato in terraferma, dopo un iniziale trattamento presso il centro di salute mentale di Ischia. Circostanza che lascia supporre che il pubblico ufficiale abbia speso al gioco il denaro sottratto alle casse pubbliche. Un aspetto che riaccende i riflettori su un tema delicato, anzi su una vera e propria malattia sociale.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button