CRONACA

IL MONITO Rischi vulcanici in Campania, l’appello di Coviello

Antonio Coviello, ricercatore Iriss Cnr, in apertura del webinar sui rischi vulcanici organizzato dall’Istituto di ricerca e servizi per l’innovazione diretto dal professor Massimo Clemente chiarisce i rischi con i quali la popolazione napoletana è costretta a convivere. “Il rischio vulcanico- afferma- non è una condanna ineluttabile per la popolazione partenopea bensì un pericolo che va mitigato con scelte urbanistiche appropriate, ricerca scientifica e investimenti tecnologici. Un suggerimento sembra arrivare dal Santo ‘vulcanico’ per eccellenza, San Gennaro che indica al suo popolo una possibile via di fuga ad una eventuale parossistica/distruttiva eruzione del Vesuvio o dei Campi Flegrei”.

“Secondo i piani di evacuazione finora predisposti, in caso di segnali di eruzione in queste aree, un numero consistente di abitanti campani si mobilizzerebbero (in tre giorni al massimo), dispersi tra tutte le altre regioni d’Italia (circa 700.000 dall’area Vesuviana, circa 600.000 da quella Flegrea). Sarebbe un esodo massiccio – ha aggiunto Coviello -, che assumerebbe dimensioni bibliche e avrebbe luogo tra l’altro con grande urgenza in un momento di massima emergenza, senza speranze di ritornare in tempi brevi nei luoghi di residenza, comportando di fatto la scomparsa di un antico popolo e contemporaneamente un disastro economico comparabile se non maggiore a quello del Covid-19”. Il direttore Clemente ha evidenziato “l’impegno costante dei ricercatori della struttura partenopea”. “Per rendere razionale e fattibile, socialmente ed economicamente la mitigazione del rischio vulcanico nell’area napoletana – ha sottolineato Clemente -, un gruppo di lavoro multidisciplinare di vari enti sta progettando delle soluzioni alternative”.
Adriano Giannola, presidente dello Svimez ha osservato che: “sull’asse Napoli – Bari, dove è stata realizzata la ferrovia ad alta capacità, che passa per zone interne di Campania e Puglia come l’Irpinia, il Sannio, le Murge, tutte aree in desertificazione produttiva e demografica, bisogna imporre nuove direzioni strategiche. Trasferendo funzioni pubbliche lungo questo percorso che deve attirare con sè nuovi modelli di sviluppo”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex