Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Il porto è una discarica a cielo aperto, ma Del Deo se ne lava le mani

di Francesco Castaldi

FORIO – Concludemmo il nostro dettagliato servizio sul degrado in cui versa l’area portuale di Forio auspicando che dopo la nostra ennesima denuncia qualcosa di muovesse realmente, e che il Comune, di concerto con la Super Eco, predisponesse al più presto uno specifico piano finalizzato all’effettiva e capillare pulizia del nostro porto, che allo stato attuale risulta indegno di un paese che, come Forio, ambisce a definirsi civile. Purtroppo, a distanza di circa due mesi, le nostre aspettative sono state puntualmente disattese dall’amministrazione retta dal sindaco Francesco Del Deo, che dovrebbe mettersi in testa che un porto – e in particolare quello di paese a vocazione turistica come il nostro – dovrebbe rappresentare una delle sue principali risorse e attrattive. Usiamo il condizionale dal momento che è sotto gli occhi di tutti che le amministrazioni che si sono succedute prima al vecchio palazzo municipale e poi al “Green Flash” hanno fatto di tutto – e ci sono ahinoi riuscite – per svendere e mortificare l’area portuale, che è la porta d’accesso a uno dei Comuni più amati dell’isola, sempre meno verde a causa delle indiscriminate colate di cemento che nel corso degli anni ne hanno letteralmente deturpata l’identità.

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE IN EDICOLA

 

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x