Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 4

Il Rosario gigante deposto ai piedi della Vergine Lujana

Di Antonio Lubrano

 

Una storia che sa di straordinario che unisce nella fede per l’Altissimo e per la Vergine e nell’amore viscerale per la propria isola, due  persone squisite, Anna Maria Insante di Forio e residente a Buenos Aires e Vicente  Schiano con lunghi trascorsi in Argentina ed oggi residente tra Serrara e il Ciglio. Insieme, a tantissima distanza l’una dall’altro, hanno  scritto un capitolo di storia  che l’isola d’Ischia ed il Santuario di Lujàn in Argentina andranno orgogliosi per la unicità e dinamica della iniziativa e per i protagonisti che l’hanno  resa possibile. Vicente Schiano nutre da sempre una passione artigianale che  usa e fa sua come dono di Dio. Con le proprie mani, ormai esperte e forti, realizza Rosari per la preghiera di varie dimensioni, peso e colore, utilizzando in primis corda di mestiere e anelli bombati per la snocciolatura. Rosari giganti per eventi religiosi di cartello e Rosari medi per farne dono a paesani e turisti accomunati nella fede verso la Vergine santissima. Lui, italo-ischitano-argentino, fedele alle due bandiere nazionali ed alle due  culture che sostanzialmente si assomigliano, come poteva non realizzare un grande Rosario e spedirlo nella lontana terra d’Argentina  che fin  da bambino ha tanto vissuto ed amato insieme alla sua famiglia di origine? Certo che no. Non poteva non farlo. Così, nuovamente ispirato, ha realizzato un nuovo prototipo di Rosario, più grande e più appariscente con tutto l’amore per la Madonna d’Argentina di Lujàn. Scattano così i primi contatti con Anna Maria Insante  a Buenos Aires, ischitana come lui, anche se di Forio. Gli accordi prendono buona piega e giungano alla fase conclusiva, tanto che Anna Maria Insante si sente autorizzata  a darcene notizia inviandomi questo primo messaggio: “Ciao Antonio … Sabato vado  alla Parrocchia del Carmine in Buenos Aires e Domenica a la Basilica di Lujàn con un Rosario che ha fatto Vincenzo, e me lo a consegnato a me ieri.  Sono andata a prendere a la dogana e siamo pronti per partire sabato e Domenica , peccato che l’ unica Ischitana sono io , pero farò tutto il possibile per la nostra Isola , andremo in pullman con un Gruppo di amiche devote della Vergine di Lujàn , vi spedirò foto e vi racconterò come è andata.  Il parroco della Chiesa  Santuario mi aspetta nella piazza di Lujàn  da dove ci muoveremo tutti insieme ed entriamo in Basilica, portando  con noi il Rosario che viene da Ischia. Lui e stato molto gentile con me , mi ha chiamato varie volte per aiutarmi a che tutto vada bene ,  mando un abbraccio a tutti voi. Anna Maria”. Un messaggio scritto con la forza del cuore e dell’impegno che solitamente la Insante impiega  in circostanze particolari come quella presente, specie poi quando  c’è  di mezzo, nel caso

 

 

Ads

 

Ads

 

 

come questo,  la sua cara, amata Ischia con i “paesani”. Dello stesso tenore, fra entusiasmo e sentimento, è altresì  il racconto che Anna Maria Insante fa del suo arrivo a Lujàn, col Rosario

gigante in braccio speditole da Vicente Schiano direttamente da Ischia,  seguita dalle sue amiche, e dell’accoglienza  bellissima che le tributa padre Daniele, il parroco del Santuario.  Lujàn è qualcosa di speciale anche per noi, per   esserci arrivati da Buenos Aires ben due volte, nel 2005 col compianto Vescovo Strofaldi, con i sindaci di Ischia Giuseppe Brandi e di Forio Franco Regine ed altri amici autorevoli al seguito, e nel 2008, sempre col Vescovo Mons, Filippo Strofaldi e in delegazione con i sindaci di Ischia Giosi  Ferrandino, di Barano Paolino Buono, di Forio ancora Franco Regine, di Serrara Fontana Cesare Mattera e di Casamicciola sindaco FF  Ciro Frallicciardi. Allargavano  il gruppo il vice sindaco di Ischia Luigi Boccanfuso, il Presidente del  Consiglio Comunale di Ischia Isidoro Di Meglio, Celestino Vuoso presidente Opera Pia Avellino Icono Conte, Salvatore Di Meglio della Dimhotels, Michelangelo Messina Patron dell’Ischia Film Festival , Raffaele Mazzella allora Presidente di Ischia Risorsa Mare, Guerino Cigliano allora Presidente della Collegiata dello Spirito Santo a Ischia Ponte, quasi tutti con le rispettive mogli, Geppino Cuomo,  il sottoscritto  Antonio Lubrano  naturalmente, Michele Lubrano, Noelle Lubrano e Tonia Cuomo che rappresentavano l’Organizzazione e l’Ufficio Stampa ed altri amici a completamento della intera  delegazione. Eravamo 32 persone, e  In tutte e due le occasioni vivemmo a Lujàn una esperienza straordinaria di cui è rimasto indelebile il grande ricordo. Vale la pena ora seguire ciò che ha scritto di suo pugno  per noi Anna Mara Insante”:   “L’occasione per una sorta di nuovo Gemellaggio di Fede . Nella Vita Dio ci mete alla prova ogni giorno, facendoti fare  delle cose che mai avresti pensato di fare.  Un mese fa,  mi manda un messaggio da Ischia il signore Vicente Schiano e mi dice …. Anna Maria ho fatto un Rosario per La Madonna di Lujàn e lungo 30 metri. Io te lo spedisco e tu lo devi portare a La Basilica di Lujàn. E’ un Regalo . ed io le rispondo: va bene sarà un piacere. Dopo una settimana, il Rosario arrivò a la dogana, ed io sono andata a prenderlo …. dopo aver aspettato 4 ore mi hanno consegnato il pacco … quando l’ho visto ed alzato, mi sono detta: mamma mia che pesante, 18 chili, e come faccio a portarlo a casa ? ll Rosario mi ha fatto compagnia per una Settimana , Sabato 9 di Aprile con una mia amica l’ abbiamo portato alla chiesa della Madonna del Carmine per farlo vedere a tutti e perché il parroco lo Benedisse , é stato Bellissimo …. dopo essere tornata a casa , il giorno dopo 10 di Aprile, era il giorno dell’incontro, quasi come un Gemellaggio alla Basilica di Lujàn ( fra la  isola d’ Ischia a la Basilica di Lujàn ) alle 8 di mattina siamo partiti in un pullman , ll Rosario , io l’ unica Ischitana e 22 amiche , eravamo molto felici, dopo 2 ore siamo arrivate in piazza della Basilica dove   ci aspettava la Banda di musica , all’ improvviso ho visto il Padre Daniele che con le braccia aperte, si avvicina a me e mi abbraccia e mi dice Benvenuti alla casa di Dio e La Madonna. Lui, Padre Daniele, camminava al mio fianco , io con la croce e tutti le mie amiche dietro, portando il Rosario. Che emozione quando siamo entrate nella Basilica, le gambe mi tremavano ed il mio cuore batteva forte … forte dalla emozione ascoltando la musica dentro la chiesa. Siamo arrivate  sull’ altare , dove il Rosario e stato deposto ai piedi della Madonna e tutte  noi al fianco di Padre Daniele, sempre sull’ Altare. La messa é stata Meravigliosa, il parroco ha parlato sul Rosario e ringraziato  Vicente per questo Bellissimo regalo. Padre Daniele ha anche salutato tutti gli Ischitani di questa bell’Isola, così ha detto.  Dopo la  messa mi sono avvicinata a padre Daniele per consegnagli quello che Vicente aveva mandato per lui. Voglio ringraziare tutti: … Vicente per il Rosario, gli Ischitani , che hanno collaborato, il Padre Daniele parroco della Basilica di Lujàn, le  amiche Rita, Mena e Anna Orlando,  Florecia Belfiore,  Rosa Picardi,  Filo Feo, Maria Police,  Rosana Pilla, Liliana Tedesco,Anna e Maria Gentile, Carmen Tursi e Laura Tortorello. Arrivederci a Ischia”.

 

                                                                                                antoniolubrano1941@gmail.com

 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button