CULTURA & SOCIETA'

IL SALUTO Mattei: in pensione Olimpia, Giuseppe, Angela e Rita

Auguri di cuore ai nostri colleghi Olimpia De Angelis, Giuseppe Di Scala, Monti Angela e Monti Rita che hanno raggiunto il meritato traguardo della pensione. Un grazie particolare va alla nostra “ talentuosa” collega di Lettere Anna Di Meglio che con animo poetico ha salutato con i suoi versi i compagni di lavoro, dopo anni di condivisione di esperienze fatte nel meraviglioso mondo della scuola. Parole così belle meritano di essere condivise!

I colleghi e il personale del settore amministrativo dell’Istituto Mattei

***********************

I giorni sono spesso raffigurati come granelli di sabbia, che scorrono nella clessidra della vita. Attimi della quotidianità che sarebbero Preziosi, ma che la ripetitività, gli obblighi, la superficiale sensazione di continuità opacizzano.

Incontri, sguardi, parole, abbracci, sorrisi, scontri…si susseguono in un abbondanza tale da assicurarne apparentemente l’ infinitezza. E quei grani, nella distratta corsa verso altro, si polverizzano, fin quasi a disintegrarsi. qualcosa tuttavia di essi resta e si deposita sul fondo della coscienza, sedimentandosi in amicizia e familiarità, talvolta, in noia o malanimo, talaltra.

Poi una pausa. Un cambiamento significativo. Qualcosa si interrompe, qualcosa di diverso inizia. E sentiamo la solidità scontata di quella polvere ridefinirsi, sollevarsi in immagini, risa, sguardi, odori… La sentiamo, quella polvere, sì amata, farsi strada nel petto, farsi battito percepito, fiato, farsi solido grumo in gola, pungere gli occhi e dilagarci nella memoria…

Rita, le labbra ben disegnate, la sicurezza spavalda, il parlar fluido e impetuoso…

angelina, fossette, gli occhi espressivi continuamente attraversati da emozioni di ogni gamma, le sue battute irresistibili….

Olimpia, tutta profondità, inchiesta interiore, senza mai saccenza ho preso, positiva e fattiva, gli occhi attenti, la parola meditata…

Peppe, La fragranza del mattino il mondo, profumato, signorile e sportivo, la giovinezza di un approccio sempre sorridente e accattivante…

Bilanci veloci, distintivi che la mente si rifiuta di sentirti mentre le emozioni sussurrano pochi cenni: non più, non più colleghi, oggi, domani, fra una settimana, fra un mese…non più incontri mattutini e scambi di battute, non più collaborazione, non più saluti fra scale, corridoi, nel gelo dell’inverno e nella calura di mesi di confine tra fine e inizio attività, non più complicità o contrasti di opinione…

e dobbiamo prendere atto di un’altra stagione, consolate dal pensiero che ciò che avemmo fu prezioso e ciò che rimane ci darà altre occasioni per godere della nostra bella amicizia.

Dunque anche questo lasciarsi sotto certi aspetti ci dona un’intensità e una visione nuova.

Quando ci sentiremo o ci incontreremo, come oggi, quegli attimi ritrovati brilleranno quali pagliuzze d’oro e la sabbia del tempo risplenderà anch’essa.

Con immenso affetto e a presto rivederci.

Anna e gli amici del Mattei

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close