CULTURA & SOCIETA'

IL VESCOVO CARLO VILLANO ALLA CHIESA DI POZZUOLI. IN UN TEMPO SEGNATO DALLE SCOSSE TELLURICHE

Il vescovo di Pozzuoli, don Carlo Villano, per il tramite delle comunità parrocchiali ha inviato una lettera agli abitanti del territorio flegreo, per esprimere la personale vicinanza in questo tempo difficile dovuto all’attività sismica in atto, assicurando anche il sostegno di tutte le parrocchie, che hanno le loro “porte” aperte per ascoltare e accompagnare tutti.

Questo il testo che sarà letto ai fedeli e pubblicato sul sito diocesano www.diocesipozzuoli.org:

Carissimi fratelli e sorelle della nostra amata terra flegrea, sento in questi giorni così particolari l’esigenza di comunicare con voi quanto mi sta a cuore per il tempo che stiamo vivendo. Da qualche giorno, ormai, assistiamo all’intensificarsi di queste scosse legate al bradisismo, in un territorio come il nostro così ricco di storia, di cultura, di bellezza, ma che si rivela altrettanto fragile e causa di paura e insicurezza per coloro che lo vivono. Comprendo il vostro stato d’animo, la paura e l’insicurezza dell’oggi e del domani dei vostri figli: a tutti voi voglio esprimere la mia personale vicinanza e quella di tutta quanta la Chiesa di Pozzuoli con i suoi pastori.

Sentiamo di stare accanto a voi, condividendo le vostre stesse ansie e le vostre stesse preoccupazioni; cogliamo in questi eventi la possibilità di prenderci per mano, di sostenerci, di infondere coraggio reciproco; insieme possiamo farcela, insieme possiamo affrontare al meglio questo tempo che sta segnando in profondità le nostre vite, le nostre giornate.

Carissime sorelle e fratelli, la Chiesa puteolana vive e cammina insieme con voi; con voi condividiamo ansie e difficoltà. I parroci, i sacerdoti della nostra Chiesa sapranno accogliere il vostro grido di dolore e sostenervi nelle difficoltà quotidiane; tutti siamo chiamati ad essere testimoni di prossimità, tutti siamo chiamati ad essere esperti in umanità. Sentiamo, in questo tempo così fortemente caratterizzato dalla parola Sinodo, di dover dire che nessuno sarà lasciato da solo. Le porte delle nostre Chiese sono aperte per dire a tutti che la Chiesa è casa di tutti e per tutti: ciascuno si senta accolto, ascoltato ed accompagnato.

Ads

Come credenti in Cristo sentiamo di poter chiedere al Signore di sostenerci in questo tempo della prova dove tutto sembra essere precario: nella speranza che queste scosse abbiano vita breve e possiamo tornare a vivere giorni più sereni nella nostra casa comune.

Ads

A tutti assicuro la mia personale vicinanza con tutta la Chiesa di Pozzuoli.

 don Carlo, vostro padre e fratello vescovo

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex