CRONACA

Il vicequestore Ferrara incontra i sindaci isolani

Ieri mattina il summit presso gli uffici del commissariato di polizia di Ischia: presenti Ferrandino, Castagna, Gaudioso e Caruso, assente Del Deo trattenuto a Roma da impegni istituzionali

Un giro di orizzonti, quasi di “consultazioni”, per conoscere meglio il territorio sul quale si opererà professionalmente per i prossimi anni. Ma anche la sua gente ed in particolare coloro che nell’ingranaggio del miglior funzionamento possibile della nostra isola (inteso nella sua accezione più ampia e generale del termine) occupano un posto di rilievo.

E così, dopo i comandanti delle polizie locali dei sei Comuni isolani, nella mattinata di ieri la neo dirigente del commissariato di polizia di Ischia, il vicequestore Maria Antonietta Ferrara, ha voluto conoscere anche i sindaci delle cinque municipalità (all’appello manca Lacco Ameno che come è noto è commissariata dopo la caduta di Giacomo Pascale). All’appello hanno risposto presente Enzo Ferrandino, Giovan Battista Castagna, Dionigi Gaudioso e Rosario Caruso, mentre si è registrata la defezione di Francesco Del Deo impegnato per motivi istituzionali nella capitale. Partiamo da un presupposto: il vicequestore indirà un secondo summit alla presenza anche del “Papa” foriano mentre si recherà personalmente presso il municipio di Piazza Restituta per incontrare il viceprefetto Simonetta Calcaterra. Questione di scala gerarchica, che in questi ambiti va sempre rigorosamente rispettata.

Sarà la neo dirigente a recarsi in municipio per avere un colloquio con il viceprefetto Simonetta Calcaterra, attuale commissario prefettizio a Lacco Ameno, per conoscere il primo cittadino di Forio sarà fissata una nuova data

I punti trattati con i sindaci sono stati diversi, ma quello sul quale si è concentrata maggiormente l’attenzione riguarda la movida selvaggia, che sembra imperversare ormai da troppo tempo sul territorio isolano. E, si badi bene, fatti e circostanze che le cronache riportano con una certa assiduità (e che purtroppo spesso non vengono citare perché magari non fanno più notizia, e questo forse è l’aspetto che maggiormente preoccupa) non sono ascrivibili soltanto al periodo estivo, quando Ischia aumenta la sua popolazione e diventa un “caleidoscopio” certo dalla più difficile gestione. L’impressione ormai marcata da tempo è quella che in determinati contesti il rispetto delle regole sia considerato un optional ed allora è il caso di intervenire in maniera ancor più dura e drastica. Gli strumenti ci sono, basterà monitorare e “marcare stretto” le aree dove si concentra il divertimento in particolar modo nei fine settimana: Ischia non è Ibiza, e dunque siamo davanti a poche e individuate location dove la presenza delle forze dell’ordine comincerà ad essere ancora più presente e pressante.

Maria Antonietta Ferrara, dopo averlo fatto con i comandanti delle polizie locali, ha chiesto lumi anche ai primi cittadini su una serie di questioni, in particolare quella legata alle condizioni del manto stradale in determinati punti dell’isola. Il vicequestore infatti, dati alla mano, ritiene assolutamente spropositato anche dal solo punto di vista statistico (e certo non le si può dare torto) il numero di incidenti stradali mortali, più e meno gravi che si verifica sul territorio ischitano. Nessun dubbio sul fatto che la prima causa dei sinistri risieda nell’alta velocità ed allora il vicequestore ha esortato anche i sindaci a fare in modo che si possano creare sinergie di fatto con le polizie municipali, perché possano svolgersi controlli a tappeto ed alle volte anche pianificati di concerto, in modo da garantire una adeguata e visibile presenza. Insomma, è proprio dagli stessi vigili che ci si attende un salto di qualità o se preferite un cambio di mentalità: non più personale adibito esclusivamente (o quasi) alla gestione del traffico e destinato ad appioppare multe a destra e a manca, la polizia è ben altra cosa. Vedremo se questa inversione di tendenza arriverà o meno, arrivasse ci troveremmo dinanzi a una svolta significativa. La dottoressa Ferrara ha poi voluto rivolgere anche un’altra raccomandazione ai suoi interlocutori, quella di fare in modo che gli uffici competenti dei vari municipi mettano sempre preventivamente al corrente l’autorità di ps di eventuali situazioni che richiedano la gestione dell’ordine pubblico, in maniera tale da poter predisporre sempre al meglio, per tempo e con efficienza ogni tipologia di intervento.

Diversi gli argomenti trattati: nel mirino soprattutto la movida selvaggia (che comincia a preoccupare non poco) e la sicurezza stradale, ma si è discusso anche delle imminenti demolizioni e della necessità di un maggiore coinvolgimento delle polizie locali

Il dirigente del commissariato ha poi voluto sottolineare anche l’impegno che sarà profuso in un settore che a breve costringerà le forze dell’ordine a fare gli straordinari e ci riferiamo alla demolizione di abusi edilizi oggetto di sentenza di condanna passata in giudicato con annessa sanzione accessoria di abbattimento. Un tasto, questo, toccato anche in occasione del primo incontro svoltosi presso gli uffici di via delle Terme con i giornalisti isolani e che lascia intendere come la primavera promette di essere una stagione decisamente “calda” relativamente alla presenza delle ruspe, che torneranno a farsi sentire in maniera massiccia. Ma anche qui, ha voluto rimarcare, i vigili urbani dovranno offrire supporto e collaborazione, non potendo più “tirarsi fuori” da adempimenti del genere così come accaduto fin qui. Infine si è discusso anche delle procedure da attivare – proprio di concerto con i sindaci – relativamente ai TSO (Trattamenti Sanitari Obbligatori). Prossimamente, dopo aver ottenuto un “quadro” chiaro ed esaustivo dello stato dell’arte, Maria Antonietta Ferrara incontrerà anche i responsabili degli altri corpi delle forze dell’ordine presenti sull’isola, presumibilmente per proseguire lungo la strada di una collaborazione e di strategie condivise che nel tempo hanno dato ottimi risultati sia in termini di prevenzione che di repressione.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche
Close
Back to top button
Close