ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Ilù creazioni e una borsa che è un’opera d’arte

di Isabella Puca

 

Ischia – È tra le artigiane più giovani dell’isola e i suoi lavori spiccano tra tutti gli altri per  finezza e originalità. Sulle sue borse, rigorosamente home made, delle vere e proprie opere d’arte. Parliamo di Ilù creazioni, un marchio che racchiude un hobby in comune tra mamma e figlia. Loro sono Ilaria e Luciana che, da due anni, hanno uno spazio dedicato nei mercatini dell’Associazione Vivere Ischia. L’arte del cucito Ilaria, l’ha appresa da nonna Enza, conosciutissima a Ischia per il suo fornitissimo negozio di filati, «la nonna mi insegnò a cucire che avevo 8 anni. Avevo una piccola Singer con la quale facevo i vestiti alle bambole. È come andare in bicicletta, quando qualche anno fa ho ripreso quest’hobby, pur avendolo abbandonato per anni, ricordavo i vari passaggi». Ilaria è una storica dell’arte, la laurea è arrivata a febbraio e il suo sogno è quello d’insegnare, ma nel frattempo ha ben pensato di unire le due passioni e cucire delle borse che sono delle vere e proprie opere d’arte. «Ho iniziato due anni fa – ci racconta – con borse fatte d’uncinetto e con la fettuccia. Prima della laurea ho iniziato a pensare alle stampe che potevo realizzare con le opere famose e appena ho avuto tempo l’ho messo in pratica l’idea. 13817213_10210658015270503_550424328_nLa prima stampa che ho usato è stata  quella delle ninfee di Monet e ricordo che  prima di riuscire a farla bene ci sono stati tanti tentativi. Quando ho visto che la mia idea poteva essere vincente è stato bello. Quando crei  una borsa, la cuci al contrario e quando la giri e vedi che è uscita bene è una bella soddisfazione». Circa quindici i giorni per avere la stampa dell’ opera d’arte preferita che diventerà poi una borsa realizzata in pochissimi esemplari, diventando così davvero unica. «I modelli sono fatti da me, non mi piace seguire una scheda. Per gli hobbisti di solito ci sono dei cartamodelli a me questa cosa del seguire uno schema non piace e ho cercato sempre di fare io da zero tutto il processo. Di solito mi dedico alla grafica nel pomeriggio e la mattina creo». Monet, Van Gogh, Hokusai, Frida Kahlo sono solo alcuni degli artisti le cui opere colorano delle originalissime borse, «da storica dell’arte non sono  specializzata in arte contemporanea, ma in quella moderna, tuttavia so che questi quadri sono molto più conosciuti, anche dai più piccoli. Tra le borse c’è una che riporta un quadro di Andy Wharol che si trova a Capodimonte, ecco, mi piace aver unito quell’arte contemporanea che è vicina  a noi e che non è molto conosciuta». Tra le borse più richieste quella con la notte stellata di Van Gogh che poi è anche la preferita della nostra Ilaria. «Mi capita, a volte, che qualcuno vuole saperne di più e io posso spiegare qualcosa su quel quadro ed è una soddisfazione. Ricordo che una bambina americana, un giorno, durante un mercatino, volle fotografare tutto perché quelle opere le aveva già studiate a scuola». 13833328_10210658016030522_2080968686_oDa due anni, Ilaria mostra i suoi lavori ai mercatini – la domenica mattina in Piazza Marina a Casamicciola e il sabato pomeriggio – sera a Ischia su Via Alfredo De Luca- dedicando uno spazio ai lavori della sua mamma che crea con l’uncinetto e la fettuccia. Il prossimo progetto s’intitola “Cartoline” e vedrà Ischia e Procida diventare protagoniste di diverse pochette, «grazie all’aiuto di due mie amiche, Sara e Gaja Mattera, e di Claudio Cervera che ha scattato una foto molto particolare del Castello, sto provando a creare una nuova linea di borse. Prodotti per turisti che spero riusciranno a promuovere l’isola». L’appello qui è per tutti i fotografi o aspiranti tali che desiderano vedere una loro foto colorare una bellissima borsa. «Ho 26 anni, il mio sogno è quello di insegnare però nel frattempo mi sono buttata in questo settore, lo faccio da sempre realizzo bomboniere, lavoro la carta, l’uncinetto, filati, la fettuccia, insomma sono una creativa. È un lavoro che dà tante soddisfazioni, vedi partire oggetti che all’inizio non sono niente e che poi diventano tuoi. Fa piacere ricevere  complimenti soprattutto quando restano sorpresi di sapere che sono fatti a mano».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close