ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Incidente a Sant’Angelo, stabili le condizioni del piccolo Denis

Restano stazionarie le condizioni di Denis Satta, il bimbo napoletano di sette anni, protagonista, suo malgrado, dell’incidente verificatosi lo scorso venerdì sera nel borgo di Sant’Angelo. Il giovane turista – come si ricorderà –  stava, infatti, giocando con alcuni suoi coetanei sul palco allestito per la manifestazione “Torri in luce, torri in festa”, dopo essere riuscito ad eludere le transenne di recinzione della struttura, quando ha perso l’equilibro ed è caduto nel vuoto.  Ricoverato d’urgenza dapprima all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno,  è  stato poi trasferito, a causa del trauma cranico riportato, presso il Santobono di Napoli.  Ed è ancora lì che si trova il piccolo paziente, ricoverato nel reparto di rianimazione, a causa di due piccolissime emorragie cerebrali e monitorato costantemente dall’équipe medica. Nelle scorse ore è stato anche estubato, ma continuerà ad essere tenuto sotto sedazione fino a quando gli ematomi al cervello non si riassorbiranno del tutto. Questo è almeno l’ultimo aggiornamento trapelato, nella giornata di ieri, dal nosocomio napoletano. Le condizioni del piccolo restano dunque stabili. Mentre si resta col fiato sospeso in attesa di un più significativo miglioramento delle sue condizioni, resta sotto sequestro il palco dal quale il bimbo è caduto. Nel corso della giornata di sabato, infatti – lo ricordiamo – i Carabinieri di Ischia hanno sottoposto a sequestro la struttura e avviato alcune indagini, a seguito delle quali il palco in questione sarebbe risultato privo di collaudo e delle misure minime di sicurezza.

Ed è proprio su questo aspetto che, non sono mancati gli aspri commenti da parte dell’opposizione del Comune di Serrara Fontana ed indirizzati all’amministrazione guidata dal sindaco Rosario Caruso.  In particolar modo, a rompere il silenzio – se così possiamo dire – sull’accaduto è stato il Consigliere della minoranza, Roberto Iacono che ha puntato il dito  sul budget – di 5000 euro –  speso dal Comune per patrocinare ed organizzare la manifestazione “Torre in festa, torri in luce”  che avrebbe dovuto avere  il via proprio sabato sera nella location di Sant’Angelo, ma il cui spettacolo è stato poi, difatti, cancellato per rispetto di quanto accaduto. «Cinquemila euro spesi per? – ha commentato, infatti, nel corso della giornata di ieri, Roberto Iacono – mi verrebbe quasi da dire che l’attuale amministrazione di Serrara Fontana farebbe bene a limitarsi ad attendere la fine del mese per percepire  lo stipendio. Almeno così  tutelerebbe  l’incolumità delle persone».  La vicenda, insomma, ha dato spazio ad alcune critiche rivolte al sindaco e alla maggioranza, proprio a causa del palco risultato non a norma e che potrebbe ora comportare degli strascichi giudiziari per il Comune montano. Chi invece ha preferito tacere sulla vicenda è stato proprio il primo cittadino di Serrara Fontana che, mostrandosi particolarmente dispiaciuto per l’accaduto, ha preferito evitare ogni commento superfluo. Beghe politiche a parte, comunque l’auspicio da parte di tutti resta uno: che il giovane turista si riprenda presto, lasciandosi alle spalle questa brutta avventura.

Sara Mattera

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker