CRONACA

Infezione da Covid-19, a Barano chiude anche il cimitero

Sarà possibile fino al 03 aprile l’estremo saluto limitato a un numero massimo di 10 persone

Sull’isola continuano a chiudere i cancelli. Chiudono attività e luoghi che siamo stati abituati a vedere aperti nel corso di tanti anni come elemento fondante della nostra stessa esistenza. Dopo la dolorosa limitazione che impedisce la possibilità di accompagnare i propri cari nell’estremo saluto, eliminando di fatto i funerali come li abbiamo sempre conosciuti, a Barano chiude anche il cimitero. Fino al 3 aprile non sarà possibile fare visita alle tombe dei propri cari nel camposanto di via Leonardi Cattolica. Una chiusura ancora più dolorosa per coloro che in questi giorni così pieni di angoscia ma anche di speranza cercavano nel rapporto diretto con i propri cari un momento di conforto.

Anche se l’apertura al pubblico è stata limitata il cimitero continuerà a garantire l’erogazione dei servizi di ricevimento e di inumazione delle salme ammettendo la presenza, per l’estremo saluto, degli stretti congiunti per un numero massimo di 10 persone, purché sia garantito il rispetto, tra ogni soggetto presente, della distanza di sicurezza di almeno un metro. Nessun corteo funebre, nessuna folla a portare un ultimo saluto a chi passerà a miglior vita proprio in un momento così delicato. Dopo la quarantena forzata, l’obbligo di rimanere in casa il più possibile e la possibilità sempre più ridotta di poter vivere una vita normale questo ulteriore tassello che restringe ancora di più la libertà personali dei cittadini dell’isola ricorda quanto difficile sia in questo momento riconoscere la propria isola e la propria comunità, costretta a un isolamento forzato che snatura del tutto abitudini e consuetudini.

Una triste situazione resasi obbligatoria per contenere il diffondersi del virus che provoca l’infezione da COVID-19 e che ci costringerà a dire addio alle nostre abitudini ancora per diverse settimane.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button