ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Ingorgo tra bus a Panza, che caos nella frazione foriana

Quello del traffico è un problema atavico della nostra isola, che spesso e volentieri si trasforma nella succursale dell’autodromo di Monza. L’ironico riferimento all’automobilismo purtroppo non è un’iperbole usata dal cronista, bensì la cruda realtà. Sull’isola verde non è infatti difficile ritrovarsi impelagati in un ingorgo stradale, che per certi versi è simile alle intricate matasse che utilizzavano le nostre nonne. Ieri mattina, a Panza, si è verificato l’ennesimo “imbottigliamento”. Il fatto è avvenuto a pochi passi dal piazzale “Cenerentola” e ha creato non pochi disagi a decine di automobilisti che in quel momento transitavano per la popolosa frazione del Comune di Forio.

Com’è possibile osservare dai frame tratti dal video realizzato da Pietro Coppa di “Ischia Reporter”, a causare l’ingorgo automobilistico sono stati due pullman (uno di linea e l’altro privato), che viaggiavano in direzione opposta l’uno rispetto all’altro. Dopo diversi minuti e alcune complesse manovre da parte dei due autisti, è stato finalmente possibile decongestionare il traffico e le auto e i motorini in coda hanno potuto proseguire per la propria strada. Tutto è bene quel che finisce bene, ma il problema resta attualissimo: a Ischia le autovetture e i ciclomotori sono tantissimi, e le anguste strade che si trovano su parte del territorio isolano in molti casi diventano delle autentiche trappole per automobilisti e centauri.

Noi de “Il Golfo” non abbiamo di certo la bacchetta magica per risolvere la questione, ma dobbiamo evidenziare che un simile andazzo non giova affatto alla nostra isola. L’auspicio è che le amministrazioni isolane, di concerto tra loro, si siedano attorno a un tavolo per concordare insieme un piano di mobilità sostenibile, la cui attuazione non può essere ulteriormente procrastinata.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button