Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Investe una persona, poi scappa dalla Polizia: preso e denunciato

Nella notte il folle gesto di R.P. che dopo aver colpito un pedone e uno scooter non si è fermato. Gli agenti lo hanno bloccato al termine di un inseguimento spettacolare lungo la litoranea di Casamicciola

Scene degne di un action movie americano, quelle viste sulla litoranea in corrispondenza di Piazza Marina nella notte tra domenica e lunedì. Oppure, se volete, dei film polizieschi italiani degli anni ’70. Un giovane isolano, R.F., classe 1996 e residente a Casamicciola, si è reso protagonista di un episodio che solo per pura fortuna non ha causato nuove vittime sulle nostre strade, in questo maledetto 2019. Il 23enne, alla guida di una Fiat modello Panda, credendo di trovarsi su un circuito e non sulla trafficatissima strada che costeggia il litorale casamicciolese, ha dapprima centrato in pieno uno scooter che a sua volta è finito contro una macchina in sosta, e poi nella carambola innescatasi ha colpito anche un pedone.

Una sequenza allucinante che, come detto, solo per caso non ha provocato gravi conseguenze. Il giovane, pur dopo aver travolto il mezzo e il pedone, non ha avuto la minima intenzione di fermarsi per prestare soccorso, e ha premuto sull’acceleratore allontanandosi alla guida dell’utilitaria, dando il via a una spettacolare fuga di sapore hollywoodiano, Arrivato nei pressi della rotonda in corrispondenza del Pio Monte, alla vista dei lampeggianti di una vettura della Polizia, ha fatto inversione di marcia dirigendosi a tutta velocità in direzione di Lacco Ameno, forzando anche uno dei posti di blocco delle Forze dell’ordine allestito in Piazza Marina vicino alle biglietterie del porto, e rischiando di travolgere un agente di Polizia prontamente scansatosi, ma continuando a correre lungo la litoranea. Diverse macchine della Polizia si sono quindi messe all’inseguimento: lo spiegamento di sirene è stato udito da migliaia di cittadini durante la notte. Una corsa folle, pericolosa, fino a quando la macchina del “fuggitivo” è stata bloccata nei pressi dell’ospedale Rizzoli, anche grazie all’intervento di poliziotti in motocicletta. Intanto gli addetti del 118, prontamente allertati, hanno soccorso il pedone investito, che per fortuna non ha riportato significative conseguenze. Una volta bloccato, il giovane è stato sottoposto all’alcol test, che ha dato esito negativo, ed è stato poi condotto all’ospedale dove sono state svolte delle analisi di sangue e urina, che hanno escluso l’assunzione di sostanze stupefacenti.

Lo spericolato guidatore ha quindi nominato come difensore di fiducia l’avvocato Michelangelo Morgera, il quale si è opposto all’arresto del suo cliente, basandosi sul fatto che, con l’esito negativo del test e delle analisi, non c’erano gli estremi che giustificassero tale misura, a cui va aggiunto l’importante elemento costituito dalla circostanza per la quale il pedone investito non ha riportato seri danni. La Polizia di conseguenza ha denunciato a piede libero il giovane, che risulta indagato con flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale (articolo 337 del codice penale) e lesioni colpose (articolo 590), oltre che per omissione di soccorso ai sensi dell’articolo 189 comma 6 del Codice della Strada. Quest’ultima contestazione è costata al 23enne il ritiro della patente. Si è così conclusa la lunga notte innescata dalla pericolosa condotta del giovane: fortunatamente , il bilancio è tale da far tirare un sospiro di sollievo dopo le tante, troppe sventure che fin qui siamo stati costretti a registrare sul rischioso e congestionato anello stradale isolano.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x